Bearzi

Mafia: Serracchiani, bene reazione a infiltrazioni in porto Ts

Trieste, 31 dic – “L’azione coordinata della Procura e della
Prefettura con il concorso dell’Autorità di sistema portuale di
Trieste sta dimostrando che il territorio è vigilato e che le
istituzioni sono reattive, anche a fronte di un rischio di
infiltrazione mafiosa”.

Lo ha affermato la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora
Serracchiani, commentando le iniziative poste in essere dalla
Procura della Repubblica, che ha chiesto al Tribunale di Trieste,
sezione fallimentare, di dichiarare il fallimento della societa’
“Depositi Costieri Trieste Spa”, e della Prefettura, che ha
emanato un provvedimento di interdizione verso la stessa società
nel timore di infiltrazioni da parte della criminalita’
organizzata.

“Il porto di Trieste con gli insediamenti strategici che ospita –
ha osservato Serracchiani – è senz’altro una delle realtà più
importanti della nostra regione e la sua crescita impetuosa lo
può rendere appetibile per interessi illegali. È doveroso alzare
il livello di guardia a protezione di un territorio ancora non
contaminato ma evidentemente esposto, e da questo compito – ha
concluso – nessuno può sentirsi esentato”.
ARC/Com/ppd

Powered by WPeMatico

facebook
942