Maltempo: Nord al gelo, Centro sud con la neve

staellite
11 Febbraio 2012 – Verso la normalità la situazione meteo in molte Regioni italiane, ma il quadro è ancora piuttosto critico in Emilia Romagna, soprattutto intorno a Bologna dove molte strade in montagna sono ancora interrotte. Freddo glaciale in Piemonte (-20) e Lombardia. Nevica ancora in molte Regioni del centro-sud, con situazioni difficili in Umbria, nel Lazio meridionale e in Campania, dove al momento si registra una temporanea attenuazione del maltempo. Venti forti in Veneto. Sospese per neve, inoltre, le partite Bologna-Juventus e Parma-Fiorentina, previste per domani. Ecco di seguito il quadro della situazione a livello territoriale. PIEMONTE – Regione sottozero ma senza temperature record in pianura e collina. A Torino minima a -4.6, ai 2.700 sopra Sestriere -20-2. Ad Asti le numerose rotture di tubature e impianti idrici ha causato l’abbassamento della falda. A Chivasso, nel torinese, fuori uso la cucina dell’ospedale. TRENTINO ALTO ADIGE – Cielo coperto ma senza alcuna precipitazione. Permane in regione, dopo le forti folate di vento delle ultime giornate, il freddo, con temperature sotto lo zero e punte di gelo polare in quota. L’assenza di precipitazioni paradossalmente agevola gli sciatori che in Trentino Alto Adige hanno a disposizione piste perfettamente innevate senza alcun problema viario nel raggiungere i centri di vacanza. VENETO – Si contano a decine gli interventi nella notte legati alle forti raffiche di vento, che hanno fatto cadere lamiere, camini e tegole dai tetti delle case. A Chioggia (Venezia) il vento ha provocato una mareggiata. L’acqua ha raggiunto alcune abitazioni. E’ stata fatta suonare anche la sirena di allarme per l’acqua alta. EMILIA-ROMAGNA – Resta difficile la situazione in Emilia Romagna, sferzata dalla tormenta di neve e gelo. Nel Bolognese, la situazione delle strade di collina e montagna è definita critica ma è in Romagna, dal Forlivese al Riminese, che si concentrano le maggiori preoccupazioni: in Valmarecchia è sceso, da ieri, oltre un metro e mezzo di neve e sono 220 gli evacuati. Rinviate, causa neve, le sfide tra Bologna e Juventus e tra Parma e Fiorentina, in programma domani. MARCHE – Dopo la tregua di giovedì, che aveva consentito di alleggerire almeno la situazione della viabilità, oggi le strade sono di nuovo chiude nell’entroterra pesarese, con comuni e frazioni isolate. Il presidente della Provincia Matteo Ricci lancia l’allarme: “All’interno abbiamo fino a 3 mt di neve. Anche Urbino rischia di rimanere isolato. Ci servono urgentemente altri mezzi”. Sole ad Ascoli. UMBRIA – Nevica ancora su quasi tutta la regione, dove nelle ultime ore il manto ha raggiunto un’altezza che va da un minimo di dieci a un massimo di 40-50 centimetri (30-40 su Perugia). Alcune abitazioni risultano isolate tra Scheggia, Nocera Umbra e l’orvietano ma alla sala operativa della Protezione civile della Regione non sono giunte segnalazioni di problemi per le persone. Transitabili le principali strade umbre. TOSCANA – Diversi i comuni ancora isolati a causa delle abbondanti nevicate: nel grossetano Sorano e Pitigliano per i quali i sindaci hanno chiesto l’interventi dell’esercito e, in provincia di Arezzo, Sestino dove si segnalano anche difficoltà per il rifornimento di gas. All’Elba sono state chiuse diverse strade e altre sono tuttora transitabili solo con catene o pneumatici da neve. ABRUZZO – A24 e A25 al momento percorribili in condizioni praticamente ordinarie in Abruzzo. Dalle 14 avranno termine i provvedimenti delle Prefetture per le limitazioni della circolazione per i mezzi con massa superiore alle 7,5 t. nelle autostrade A24 e A25 e per la viabilità extraurbana. La revoca é già stata disposta dai Prefetti di Pescara e L’Aquila. MOLISE – La neve concede una tregua: stamattina sul capoluogo, Campobasso, splende il sole anche se resta il gelo e la temperatura è di -4. Oltre 30 i centimetri di neve che tra ieri e la notte scorsa si sono aggiunti al metro abbondante caduto dall’inizio dell’ondata di maltempo. CAMPANIA – La scorsa notte 2 metri di neve sono caduti nel territorio del ‘cratere’ del terremoto del 1980 in Irpinia: soprattutto nelle zone più alte della provincia di Avellino sono diversi i centri isolati. La Prefettura di Avellino invita gli automobilisti a non mettersi in viaggio se non per assoluta necessità. PUGLIA – In via di miglioramento la situazione. In nottata si sono registrate ancora nevicate nei Comuni del Subappennino Dauno ma stamani non nevica e non sono segnalate situazioni di emergenza. Non ci sono criticità neanche nella Murgia barese dove non sta nevicando. Quasi tutte le strade principali,al momento, sono percorribili. CALABRIA – Non nevica più in Calabria ma il pericolo di nuove precipitazioni per le prossime ore, in base alle previsioni, non é scongiurato al di sopra dei 500 metri. A fare paura, adesso, sono il forte freddo ed il ghiaccio. Le strade sono tutte percorribili e non vengono segnalati centri isolati. BASILICATA – Il miglioramento delle condizioni meteo e l’aumento delle temperature (a Potenza si è rivisto anche il sole) hanno permesso di liberare le strade bloccate al ghiaccio nel nord della regione. Migliora la situazione anche nel Materano. SARDEGNA – Regione sotto zero e imbiancata come raramente accade. Neve a quote basse, in città a Oristano, Sassari e Nuoro, ma anche in Costa Smeralda e in molti centri del Cagliaritano. Qualche fiocco anche a Cagliari. Chiuso l’aeroporto di Alghero, quattro i voli cancellati.

631