Maturità 2013: latino al Classico, matematica allo scientifico

Dopo la prova di italiano ieri, i 491.491 candidati (22.576 esterni) della Maturità 2013 affrontano stamattina il secondo scritto. Anche questo, come il primo, è predisposto dal ministero, ma cambia da indirizzo a indirizzo. Ha come obiettivo quello di accertare che il candidato abbia specifiche conoscenze relative al corso di studi frequentato.

Oggi gli studenti si cimentano con Latino al Classico, Matematica allo Scientifico, Lingua straniera al Linguistico, Pedagogia al Pedagogico, Disegno geometrico, Prospettiva, Architettura all’Artistico. Per gli istituti tecnici e professionali sono state scelte materie che, oltre a caratterizzare i diversi indirizzi di studio, hanno una dimensione tecnico-pratico-laboratoriale. Naturalmente restano validi anche oggi i divieti all’uso di telefonini, palmari pc e affini. In classe sono ammessi soltanto dizionari di lingua e calcolatrici non programmabili.

Ai maturandi del Classico è stato proposto il brano di Quintiliano “Omero maestro di eloquenza”.

506