Bearzi

Messa di Natale: le parole di Andrea Bruno Mazzocato

mazzocato

Testo integrale dell’omelia pronunciata dall’Arcivescovo di Udine, mons. Andrea Bruno Mazzocato, nella Messa solenne del giorno di Natale

Cari fratelli e sorelle,

celebro con gioia con voi e per voi questa S. Messa solenne perché partecipando assieme alla Santa eucaristia santifichiamo il giorno del Natale. Santificare questo giorno significa riconoscere che è un giorno che Dio ha reso santo perché lo ha scelto per venire in mezzo a noi uomini e noi potessimo veramente incontrarlo. Natale, quindi, è prima di tutto il giorno in cui è protagonista Dio.

È protagonista il bambino che Maria ha concepito rimanendo vergine per opera dello Spirito Santo e ha partorito a Betlemme chiamandolo Gesù, nome che non aveva scelto né lei, né Giuseppe. Era il nome che aveva scelto il Padre vero di quel neonato: Dio di cui Gesù era Figlio dall’eternità, come abbiamo appena sentito nella lettera agli Ebrei e nel vangelo di Giovanni.

In un grande inno, scritto nella lettera ai Filippesi, l’apostolo Paolo parla del Natale presentandolo come il giorno in cui il Figlio di Dio Padre ha spogliato se stesso per farsi come noi, prendendo le nostre povere vesti di uomini. Si è spogliato di ogni potenza divina per rimanere vestito solo di amore, di amore per ogni uomo. Nella mangiatoia, dove Maria lo ha deposto avvolto in poveri panni, è veramente rivestito solo della luce dell’amore.

Nelle antiche icone della Chiesa orientale la mangiatoia, in cui è posto Gesù, è rappresentata a forma di croce. Questa è una grande intuizione spirituale perché, se già nella culla di Betlemme Gesù è avvolto di poveri panni, sulla croce gli sono state tolte anche le poche vesti che aveva e rimarrà avvolto solo dalla luce dell’ Amore di cui era pieno il suo cuore e che ha riversato su noi uomini perché anche noi avessimo la vita eterna che è la possibilità di avere nel cuore lo stesso amore di Gesù.

Ecco, care sorelle e fratelli, ho cercato, con le mie povere parole, di ricordarci che Natale è giorno Santo perché è il giorno di Dio; il giorno in cui Gesù, il Figlio di Dio, viene ad abitare per sempre in mezzo a noi, facendosi uomo e nostro fratello.

Per questo, siamo chiamati a santificare questo giorno vivendolo, prima di tutto, come un giorno dedicato alla fede e alla preghiera; sostando in ginocchio davanti a Gesù, la Luce vera che illumina ogni uomo

Ma abbiamo abbastanza fede e abbastanza pazienza per stare in preghiera davanti a Gesù? Nella S. Messa di mezzanotte ho ricordato che da Gesù sono arrivati solo i piccoli e i poveri; solo coloro che dalle sofferenze e dalle debolezze hanno imparato la pazienza e l’umiltà di pregare e chiedere aiuto.

Erano poveri i pastori che vivevano di stenti e socialmente emarginati. Erano poveri anche i magi. A loro non mancavano i mezzi materiali, ma cercavano qualcuno che rispondesse alle grandi domande della vita che ogni uomo porta dentro di sé. Questa povertà li spinse ad intraprendere un pellegrinaggio alla ricerca di Colui che veniva da Dio per rivelare agli uomini la Verità.

Il giorno di Natale possiamo dirci la verità e riconoscere che  anche noi siamo tutti dei poveri. A volte lo scopriamo quando le vicende della vita ci spogliano delle nostre sicurezze. Penso a persone che ho incontrato in questi giorni. Alcuni vivono precarietà economica ed umiliazione personale per l’impossibilità di trovare lavoro. Altri sono nella debolezza causata da gravi malattie o dalla vecchiaia. Altri si trovano smarriti e soli per la rottura di legami affettivi e familiari su cui confidavano. Ho appena celebrato la S. Messa in carcere tra fratelli poveri di libertà e di tutto. Ma anche quanti di noi stiamo vivendo, per grazia di Dio, un periodo sereno della vita siamo dei poveri, come i magi. Almeno questa è la mia esperienza. Ogni giorno mi sento spinto a cercare senso e speranza per la mia vita e per quanti, meno fortunati di me, da me sperano di avere risposte rasserenanti.

Gesù parla solo ai poveri e agli umili. Parla nel silenzio della loro anima, come si fece incontrare dai pastori nel silenzio della notte. Prego in questa S. Messa per me e per ognuno di voi perché Gesù parli in questo giorno santo anche alla nostra anima se, in questo momento ci apriamo a lui con tanta umiltà e povertà, abbandonando ogni pretesa di autosufficienza.

Gesù può donarci quella gioia e speranza di cui ha sete ogni uomo e che illuminò perfino i cuori dei pastori tristi e umiliati. Essi tornarono glorificando Dio in mezzo a tutti per ciò che avevano ricevuto dal bambino che Dio aveva mandato per la salvezza degli uomini.

Questa è la gioia che ci apre il cuore verso le persone che abbiamo vicino. Spesso, chiusi in noi stessi e nelle nostre abitudini, quasi non vediamo chi sta con noi nella stessa casa, al lavoro, al bar, per strada. Usciamo da questa S. Messa con l’impegno di accorgerci almeno di una persona che aspetta di essere vista e accolta e insegniamo ai nostri figli a vivere con questa spiritualità il S. Natale.

Continuiamo ora a pregare accogliendo Gesù che viene realmente in mezzo a noi non nella mangiatoia di Betlemme ma nella santa eucaristia che stiamo celebrando. Nel silenzio della nostra anima ascoltiamo Gesù che ci dice: “A Natale sono venuto anche per te”.

facebook
603