Bearzi

Meteo: disagi nel pordenonese, arriva anche il freddo nel fine settimana

Ci aspettava oltralpe da qualche giorno e  adesso il nocciolo di freddo artico sta per abbracciare il Norditalia con conseguente abbassamento delle temperature che da oggi a domenica porteranno a un crollo del termometro con temperature prossime allo zero anche in pianura. Qualche nevicata dovrebbe raggiungere anche i fondovalle in montagna anche se la perturbazione si sposterà più a sud e qui il clima dovrebbe virare più sul secco anche con l’arrivo di simpatiche folate di vento freddo.

Sono diminuite nel corso della notte le piogge sul Friuli Venezia Giulia, provocando allagamenti in provincia di Pordenone. A Grado (Gorizia) si e’ verificato il fenomeno dell’acqua alta con un metro e 40 centimetri. Permane da ieri la chiusura della strada regionale 251 ”della Valcellina” a monte di Barcis (Pordenone), a causa dell’esondazione del torrente Cellina. L’Osservatorio meteorologico regionale prevede piogge discontinue, con qualche rovescio e qualche isolato temporale.

 

A seguito del maltempo in atto, si sono registrate le seguenti piogge cumulate (mm):
Ultima 1h
Resia 4.4
Moggio 3.0
Chiusaforte 3.0
Ultime 6h
Resia 35,8
Verzegnis 23.2
Pradamano 21.8
Ultime 12h
Frisanco 84.8
Piancavallo 82.0
Verzegnis 75.8
Ultimo 24h
Frisanco 209.2.6
Piancavallo 180.2
Verzegnis 168.2
Le intense piogge che hanno interessato in particolare la parte occidentale della Regione provocando allagamenti nei comuni di Sacile, Prata di PN, Pasiano di PN, San Quirino, Fontanafredda, Caneva, Cordenons, sono progressivamente diminuite nel corso della notte.
A Grado si è verificato il fenomeno dell’acqua alta con un’alta marea che ha raggiunto in serata il valore di 1,40 m. Nel pomeriggio-sera interventi dei volontari della Protezione Civile sono sono stati effettuati anche nei comuni di Rivignano, Farra d’Isonzo, Osoppo, Tarcento e Trivignano Udinese.
Per il problema dell’acqua alta attivate anche le squadre di Trieste, Duino Aurisina e Grado. Permane, dal pomeriggio di ieri la chiusura della strada regionale 251 della Valcellina in località Ponte Varma a monte di Barcis, per esondazione del torrente Cellina. I guadi sui torrenti Meduna e Cellina sono chiusi. Attualmente sono operative 7 squadre con oltre 40 volontari dei gruppi comunali di Protezione Civile.
Livelli dei corsi d’acqua
A Sacile il F.Livenza ha raggiunto un valore massimo di 5.49 m alle ore 18.00, ed attualmente è in calo (l’11 novembre scorso aveva raggiunto un livello massimo di 6.15m circa).
Il F.Livenza all’idrometro di San Cassiano ha raggiunto il livello massimo di 5,35 m (livello di presidio 5,5) alle ore 23.00, ed attualmente è in calo.
Alle ore 5.00 di oggi lo scarico complessivo dei bacini montani sul Cellina e Meduna è pari a 311 mc/sec , a valori prossimi a quelli di guardia, ma comunque tali da non costituire pericolo per i territori a valle.
Nel corso della notte si è registrato inoltre l’innalzamento dei livelli idrometrici del fiumi Tagliamento, Isonzo e Vipacco a valori prossimi a quelli di guardia. L’evoluzione degli eventi nei corsi di pianura sarà monitorata nel corso della giornata di oggi.
Previsioni
Nella mattinata odierna si potranno osservare piogge discontinue con qualche rovescio e qualche isolato temporale. La quota neve è in deciso abbassamento fino ai 1000 metri previsti per la giornata di oggi. Il vento sul mare soffierà da sud moderato fino alle ore 12. Dal pomeriggio il vento tenderà a girare in Bora e le precipitazioni si ridurranno ulteriormente.

facebook

Lascia un commento

597