Mittelfest 2020 al via. Oggi l’inaugurazione a Cividale

E’ stata inaugurata oggi, nel Belvedere di Cividale del Friuli, la 29.edizione di Mittelfest, con un concerto che ha celebratola vocazione internazionale e l’ispirazione europea del festival dal titolo “Il viaggio di Europa”, protagonisti il mezzosoprano Valentina Volpe Andreazza & Abdo Buda Marconi Trio.

La cerimonia di inaugurazione si è svolta alla presenza di un prestigioso parterre istituzionale. Fra i presenti il Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga,l’ambasciatore in Italia di Bosnia Erzegovina Slavko Matanovic, la console slovena Tanja Mljac, il sindaco della città Stefano Balloch, il sindaco di Udine Pietro Fontanini, diversi primi cittadini dei paesi delle Valli del Natisone, consiglieri regionali, parlamentari

ROBERTO CORCIULO PRESIDENTE DI MITTELFEST Fino solo a poco più di tre mesi fa non era immaginabile che saremmo arrivati a questo giorno, in un anno che ha presentato sfide non attese e non ordinarie: quindi la prima cosa che vorrei esprimere e condividere è la felicità di essere arrivati a questo risultato. Un risultato che, proprio per la straordinarietà degli eventi che si sono presentati, ha un rilievo tanto più speciale: infatti, se la scienza ha il compito di curare la parte fisica di questo tempo presente, la cultura ha quello di mettere i semi nell’anima per il futuro che vogliamo costruire.. Mittelfest è nato nel 1991, in un altro momento storico cruciale, ed è da allora che costruisce visioni del futuro e scenari ampi che hanno fatto di Cividale un punto focale della cultura della Mitteleuropa: noi vogliamo continuare ad incarnare questo intento. 

Ringraziando tutti coloro che sostengono il festival , ha sottolineato la pluralità di vocazioni racchiuse nel festival. “Il teatro, la danza e la musica che vanno in scena sui palcoscenici della città, sono accompagnate da una costellazione di altre declinazioni e espressioni culturali, turistiche e specialità di questo territorio, per cui Mittelfest vuole presentarsi sempre più come una piattaforma culturale e creare sinergie mettendo insieme tanti attori e creando relazioni interne al Friuli e tra il Friuli e l’Italia e l’Europa”.

HARIS PASOVIC DIRETTORE ARTISTICO DI MITTELFEST: Che aspetto ha una mattina storica per l’Italia e l’Europa^ Quello che ha oggi Cividale, questa piccola città nel cuore del Friuli che ha dimostrato il suo cuor di leone. Qui si segna un momento culturale storico con Mittelfest,  uno dei pochi festival europei che quest’anno si tengono dal vivo, e mentre l’Italia sta affrontando una battaglia epica noi insieme possiamo plasmare la cultura e rappresentare al meglio dal punto di vista artistico la conoscenza. Grazie al Comune e alla Regione per la fiducia riposta in Mittelfest e in Cividale  affinché il festival possa continuare in modo sicuro e grazie a tutti per il grande coraggio avuto nel volerlo fare e sostenere.

STEFANO BALLOCH SINDACO DI CIVIDALE. Mittelfest ha un grande passato e un futuro splendido. Da qui, accanto a luoghi simbolici come il ponte del Diavolo, il monastero di Santa Maria in Valle, il Tempietto longobardo, oggi lanciamo un importante messaggio, quello di una piccola città che è riuscita a rendere il suo patrimonio (riferimento a città patrimonio dell’Unesco) patrimonio di tutti. Arte cultura e dialogo oggi ripartono da qui con Mittelfest

MASSIMILIANO FEDRIGA PRESIDENTE REGIONE FVG. L’avvio di Mittelfest segna una vittoria di questo territorio ed empatia – il tema del festival – è la sfida su cui puntare in questo momento di grande allarme sociale ed economico che sta colpendo il mondo intero. Oggi si ribadisce un concetto fondamentale per la Regione Fvg: dopo i momenti difficili e la doverosa chiusura ora dobbiamo fare tutto ciò che facevamo prima, ma in sicurezza. Eventi come Mittelfest testimoniano questa volontà , dobbiamo tenere insieme i destini della vita economica e sociale e la tutela della salute fino a quando non avremo risposte dalla ricerca scientifica .Voglio poi dire che eventi come questo arricchiscono la comunità . Non nascondo il dibattito acceso che c’è stato l’anno scorso ma io sono fra quanti ritengono che chi la pensa diversamente deve poter parlare, altrimenti sarebbe una dittatura e non democrazia . Per questo la Regione sarà sempre accanto a Mittelfest , affinché possa in futuro crescere sempre più. Grazie a chi si è impegnato, soprattutto a chi non ha avuto paura.

427