Nassfeld Pressegger See selezionato tra le migliori stazioni sciistiche

panorama_webcams

L’inverno è ormai agli sgoccioli e gli amanti della neve hanno a disposizione ancora poche settimane per concedersi una vacanza sugli sci. È quindi finalmente giunto quel momento dell’anno in cui gli indecisi si ritrovano alle prese con il più classico dei dilemmi: dove andare?

L’Italia – e la nostra regione in particolare – offre sicuramente molto in termini di piste e di bellezze naturalistiche, ma in Europa ci sono tante località che vale la pena visitare. Nella vicina Austria, ad esempio, ci sono numerosi comprensori di alta qualità sia dal punto di vista delle strutture che dei servizi. Non è certamente un caso che nella classifica delle 100 migliori stazioni sciistiche realizzata da GoEuro compaiano diverse località austriache.

Per costruire questa speciale graduatoria, il portale di viaggi ha preso in esame oltre 2200 comprensori sparsi sul territorio europeo, selezionando i più validi secondo quattro criteri generali di valutazione: il rapporto qualità/prezzo, l’accessibilità delle strutture, l’après-ski e i servizi rivolti alle famiglie. La lunga lista include località di 19 diversi paesi, tra cui l’Italia, e menziona alcuni noti comprensori (Cortina d’Ampezzo, St.Moritz etc.) e altri meno conosciuti ma dotati di impianti e piste di ultima generazione.

Tra le migliori stazioni sciistiche europee GoEuro ha inserito anche Nassfeld Pressegger See (Carinzia), un comprensorio distante appena un’ora in automobile da Udine, che con i suoi 110km di piste (alcune delle quali conducono addirittura oltre il confine italiano) può essere una soluzione ottimale per coloro che vogliono unire la passione per gli sport invernali con l’esigenza di servizi per le famiglie e i bambini.

Grazie al particolare microclima della zona, a Nassfeld la neve non manca mai, così anche gli sciatori dell’ultimo minuto avranno l’opportunità di solcare le piste oppure di concedersi un po’ di meritato relax alpino all’insegna di trattamenti benessere e buon cibo. In questo angolo di Austria è infatti possibile gustare i piatti tipici della gastronomia contadina locale come i formaggi di malga, il saporito speck o il salmone affumicato della valle del Gail abbinato con un’ottima polenta. Negli hotel della zona si possono inoltre trovare numerose SPA: piscine coperte, solarium, saune panoramiche e centri massaggi specializzati. Al lago Prassegger c’è persino una particolare sauna galleggiante.

Insomma le ragioni per varcare il confine e trascorrere qualche giorno in questa splendida località austriaca sono davvero tante. Agli sciatori – esperti o debuttanti assoluti che siano – non resta che mettere gli sci in macchina e partire alla volta della Carinzia.

2.085