Bearzi

Fogolar Londra2
Il Consiglio direttivo dell’Ente Friuli nel Mondo, riunitosi lo scorso 5 dicembre, ha deliberato l’apertura del nuovo Fogolâr che avrà sede a Londra.
Michele Gomboso, nato a Udine nel 1977, è il presidente che si occuperà di avviare le attività dell’associazione e cercherà di mettere in rete i friulani che risiedono nella capitale. Inglese di adozione da oltre 11 anni Gomboso ha sempre lavorato nel settore della ristorazione, in particolare dei vini, rifornendo i ristoranti italiani presenti in città.
“Sono in contatto con vari friulani residenti qui a Londra – spiega il neopresidente Michele Gomboso – siamo uniti dall’amore per la nostra regione d’origine, la passione per l’enogastronomia e da quella per il calcio. Per noi la nascita del sodalizio rappresenta la possibilità di rimanere ancora più uniti alla nostra terra d’origine e, per i friulani che desiderano avere informazioni su Londra, poter rappresentare un punto di riferimento”. Tra i propositi del neonato sodalizio c’è anche quello di dar vita a un Udinese Club che chiamerà a raccolta i tifosi bianconeri presenti nella capitale.
Tra gli obiettivi del Fogolâr quello di promuovere il dialogo interculturale e i contatti con altre associazioni operanti sul territorio, sviluppare iniziative di promozione e cooperazione con il Friuli in ambito sociale, culturale ed economico, nonché offrire un punto di contatto per tutti i corregionali a Londra.

Quello di Londra è l’ultimo degli oltre 150 Fogolârs nati dal 1914 ad oggi. Gli ultimi sodalizi che sono entrati a far parte della comunità friulana sparsa nel mondo e che fa riferimento all’Ente Friuli nel Mondo sono quelli di Dublino, Bassora (Iraq), del South West, che raccoglie friulani di 5 stati statunitensi (New Mexico,Texas, Arkansas, Louisiana, Oklahoma) e dell’ipertecnologica nord California fondato recentemente da 14 ingegneri udinesi e pordenonesi.
La sede del Fogolâr Furlan di Londra è il pub The Old Crown sito in 90 High Gate Hill London L195NQ di Patrizia Grison socia del sodalizio. Chi fosse interessato a contattare il Fogolâr londinese può scrivere una mail a [email protected]

facebook
3.147