Nessun apparentamento in vista del ballottaggio

ballottaggio2.jpgAlla fine non c’è stato nessun apparentamento in vista del ballottaggio del 27 e 28 aprile che vede fronteggiare uno contro l’altro i candidati sindaco di Udine Enzo Cainero e Furio Honsell.
I termini per la presentazione scadevano infatti ieri alle 20. L’ex-rettore Honsell (che al primo turno ha ottenuto il 44,23% dei voti) corre sostenuto da Pd, Innovare con Honsell, Sa, Idv e Cittadini. Cainero (39,59% al primo turno) si presenta con il sostegno di Pdl, Lega, Udc, Lista Cainero e Udine Cainero Sindaco. Pur senza un apparentamento sulla scheda per il ballottaggio, tre candidati esclusi al primo turno gli hanno già manifestato il sostegno: Stefano Salmé (Fiamma Tricolore) che ha ottenuto l’1%; Salvatore Galioti (Destra), 1,34%; e Rudi Battilana (Udine Amica), 1,2%. Per il ballottaggio si attende ancora se il candidato Giovanni Ortis (Ps-Pensionati-Domani Udine) esprimerà un’indicazione di voto. Al primo turno aveva ottenuto il 7,3%. “Il dialogo con Gianni Ortis – ha scritto oggi Honsell in una nota – non ha mai avuto come obiettivo, proprio nel rispetto degli elettori di entrambe le liste e della trasparenza nei confronti di tutti i cittadini, l’apparentamento, ma un accordo di collaborazione sulle cose da fare per la città e sul metodo da seguire per farle, se lo raggiungeremo come io auspico, avrà un peso ancora maggiore perché poggerà su progetti, principi e valori condivisi”. Ortis non ha però ancora espresso una sua preferenza fra Honsell e Cainero, come non l’ho fatto Diego Volpe Pasini (Sos Italia, Città della libertà) che al primo turno ha ottenuto il 4,86%.

Aggiornamento ore 13.00 per Volpe Pasini –

Oggi a partire dalle 21:15, presso il caffe Bistrot, Sala D’Annunzio, si svolgerà l’incontro fra candidati, amici e simpatizzanti delle liste che hanno sostenuto la candidatura di Diego Volpe Pasini alla carica di sindaco di Udine durante il quale si assumeranno le decisioni finali in merito al ballottaggio che si svolgerà a Udine il 27 e 28 aprile. Verrà decisa e motivata sia la scelta su chi sostenere o non sostenere al ballottaggio come anche gli interventi pubblici che verranno fatti al fine di rendere consapevoli delle decisioni e delle motivazioni assunte la totalità non solo dei nostri elettori ma dei cittadini tutti. Ogni scelta verrà concordata con i dirigenti locali del movimeno politico ” La Destra” e , riteniamo , anche con Di Giorgio, con i quali abbiamo firmato un patto di alleanza per il futuro. (fonte: Sonia Papinutto)

facebook
757