Occupazione: Regione, regia pubblica di tutti servizi per il lavoro

Trieste, 15 set – Un intervento legislativo che conserva
l’impianto della norma del 2005 adeguandolo all’evoluzione che il
mondo del lavoro ha compiuto in questo anni, sia sul piano
normativo che su quello tecnologico. E in tema di mercato del
lavoro, a differenza di quanto accade in altre regioni, è
prevista la valorizzazione di una regia pubblica di tutti i
servizi per il lavoro. Saranno infatti i centri per l’impiego a
gestire il rapporto con i privati per l’incrocio tra domanda e
offerta.

Questo il concetto espresso oggi a Trieste, nel corso della
seduta della II Commissione del Consiglio regionale,
dall’assessore al Lavoro che ha illustrato il disegno di legge n.
105 “Disposizioni regionali in materia di lavoro. Modifiche alla
legge regionale 9 agosto 2005, n. 18 (Norme regionali per
l’occupazione, la tutela e la qualità del lavoro) e alla legge
regionale 21 luglio 2017, n. 27 (Norme in materia di formazione e
orientamento nell’ambito dell’apprendimento)”.

Ripercorrendo i passaggi fondamentali del nuovo testo normativo,
come ha spiegato l’esponente della Giunta regionale, la
formazione ricopre un ruolo strategico in quanto fondata sulle
concrete necessità occupazionali del sistema produttivo del
territorio. Un rapporto che deve essere armonico e coordinato per
portare risultati reali, visto l’impiego di risorse pubbliche.

Altro punto sottolineato dall’assessore e inserito nella legge è
quello dell’istituzionalizzazione della concertazione, una scelta
che supera l’informalità in cui ad oggi è configurato il tavolo
convocato in questi anni dalla Regione con tutti i corpi
intermedi.

Un esempio di come il Covid abbia determinato dei cambiamenti
anche nelle politiche attive del lavoro è rappresentato dal
rafforzamento di uno strumento come quello delle ricollocazioni
intensive, per un rientro il più possibile rapido nel mondo del
lavoro.

Il ddl contiene anche interventi dedicati alle persone
svantaggiate, nei cui confronti vengono assunte misure specifiche
rispetto ai percorsi formativi, di inserimento e di reinserimento
nel mercato del lavoro in un contesto di collaborazione integrata
con la parte sociale e quella sanitaria.

Infine è stato ricordato dall’assessore il percorso di
condivisione di questo disegno di legge, il quale ha registrato
un consenso unanime da parte delle parti sociali in sede di
tavolo di concertazione.
ARC/GG/pph

Powered by WPeMatico

36