Paola Rosani eletta Miss Trieste 2009

finale_misstrieste_00E’ Paola Rosani, studentessa triestina di 14 anni, Miss Trieste 2009. L’elezione è avvenuta il 13 agosto in un affollato Castello di San Giusto. Eletto anche Mister Trieste: è il 17enne Federico Panteca. I due sono pure i vincitori del concorso di Miss e Mister Palio dei Rioni. Fasce pure per Sara Bressan (Miss Ursus), Bhoonika Valerio (Miss Bijoux) e Alessandro Spinnato (Mister Simpatia).

Oltre un migliaio le persone che hanno assistito ieri (giovedì 13 agosto 2009) alla serata finale di Miss Trieste 2009 ospitata presso la prestigiosa e suggestiva “location” del rinnovato Castello di San Giusto. A fregiarsi del titolo della “mula” più bella, che fu anche di Fulvia Franco e Susanna Huckstep, future Miss Italia, è la 14enne Paola Rosani. Accanto alle bellezze femminili sono state premiate anche quelle maschili con l’elezione di Mister Trieste, concorso che quest’anno ha “sposato” quello delle Miss. A essere eletto Mister Trieste è il 17enne Federico Panteca.

Fasce (e mazzi di rose) pure per Sara Bressan (Miss Ursus), Bhoonika Valerio (Miss Bijoux) e Alessandro Spinnato (Mister Simpatia). Tutti i finalisti hanno ricevuto prestigiosi omaggi del valore di circa 50 euro offerti dagli sponsor: T-shirt esclusive e costumi da bagno Sonny Bono per tutti i ragazzi e splendidi bijoux Pierre Lang per tutte le ragazze, e ciondoli dello stesso brand di valore crescente per le fasce fino ad arrivare al monile della vincitrice del valore di oltre 150 euro. Nel corso della serata, i finalisti hanno sfilato indossando (in anteprima) i capi della collezione autunno-inverno Sonny Bono – gli aspiranti Mister – e i preziosi bijoux della nuova collezione Pierre Lang – le candidate Miss.

Il capo della vincitrice è stato cinto da un diadema creato dalla Daniel Swarovski, battezzato Lady Princess e realizzato appositamente per Miss Trieste. Il gioiello, che già aveva ornato il volto delle vincitrici del concorso dal 1998 al 2005 e che prima di essere conferito alla vincitrice 2009 è stato indossato da Miss Trieste 2007, la bellissima Ludovica Di Rocco, che ha coadiuvato Alex Bini nella conduzione, è stato messo gentilmente a disposizione dalla Swarovski Boutique di Trieste Bianchi Crystal Gallery. Il diadema “Lady Princess” è composto da 220 pietre con montatura in rodio (un prezioso della famiglia del platino), con pietre di tre colori e figure suddivise per spessore (da 5 a 8 millimetri): cristallo chiaro (82 pezzi), black diamond (12) e light peach color pesca (50) per un totale di 350 carati.

La serata-evento, presentata dal noto animatore e dee jay Alex Bini con le selezioni musicali di Dennis Jay de I TrieSTini.it, ha visto concorrere al titolo 19 ragazze e 15 ragazzi selezionati nel corso delle tre serate di Selezione/Casting svoltesi come una sorta di reality live presso il centro commerciale Il Giulia, L’Antica Diga e il Carnevale Estivo di Muggia e che hanno permesso di assegnare le fasce di Miss Il Giulia, Miss e Mister Antica Diga e Miss e Mister Carneval de Muja. La proclamazione di Miss (e Mister Trieste) è avvenuta al termine di tre votazioni; la prima riguardante il portamento dei candidati. La giuria, composta da professionisti del settore moda e spettacolo e da un deputato della Repubblica l’onorevole Massimiliano Fedriga oltre che dal presidente di Trieste in Palio, Roberto De Gioia – ha espresso il proprio voto, valutando la capacità dei candidati di “calcare” le scene, indossando abiti casual. La seconda votazione ha valutato la loro spigliatezza e capacità espressiva, evidenziata raccontando a pubblico e giuria le proprie aspirazioni. La terza votazione è stata essenzialmente una valutazione estetica, con i candidati impegnati a sfilare in costume da bagno. Al termine delle votazioni è stata calcolata la media: punteggi da 1 a 5 per le prime due voci e da 1 a 10 per la terza.

Ad aprire la serata le coreografie del corpo di ballo della Daspe Danza & Spettacolo. Molto apprezzati i numeri di magia del Mago Dennis. Ospite d’onore, il cantante triestino Ikki, al secolo Alessandro Lima, 28 anni, sul mercato con il suo cd di debutto, “Piccolo Shun” da cui ha eseguito due brani molto appluaditi dai suoi già numerosi fan. A portare un tocco di colore e allegria alla serata ci ha pensato una rappresentanza del celebre Carnevale di Muggia che a Miss Trieste ha sfoggiato, oltre a degli splendidi costumi Settecenteschi, la sua contagiosa allegria e quel “morbin” che caratterizza da sempre lo spirito del “Carneval de Muja” e anima le Compagnie del Carnevale Muggesano.

Gli apprezzati intermezzi musicali sono stati a cura di un altro simbolo della cultura, stavolta musicale, triestina: i Bandomat, che quest’anno hanno festeggiato in piazza Unità i dieci anni di carriera e di successi contraddistinti da spettacoli sempre divertenti basati sulla verve e lo spirito della formazione e supportati da una grandissima preparazione teatrale e musicale.

Dietro le quinte nessuna rivalità, ma solo tanta amicizia. A contribuire a creare questo clima tra i ragazzi, la partecipazione dei finalisti a una serie di inziative svoltesi nei giorni precedenti la finale, tra le quali il City Tour, che li ha visti impegnati a sfilare e mettersi in posa in angoli suggestivi della città (Bivio di Miramare, Lungomare di Barcola, Antica Diga, Via San Lazzaro) e partecipare a manifestazioni come Cavanatango e il concerto per i 10 anni dei Bandomat offrendo anche delle brillanti ed estemporanee performance.

Presso la sede dell’Associazione culturale Daspe Danza & Spettacolo di Trieste, i candidati hanno seguito lezioni di portamento sotto la guida della direttrice artistica e coreografa Eleonora Violin. Per loro tanta danza, scioglimento muscolare, pilates, esercizi di disinibizione e presenza scenica: tutti ingredienti necessari per ottenere una corretta postura, una camminata fluida ed elegante e un portamento degno delle più famose passerelle che hanno messo in mostra nella serata di ieri, dando vita anche a spettacolari esibizioni ispirate a musical e celebri film come The Blues Brothers.

“Siamo soddisfatissimi del risultato della manifestazione e anche il pubblico accorrendo numeroso e sostenendoci ha dimostrato di aver compreso il nostro sforzo di rilanciare l’immagine di un concorso storico, nato nel 1947 e andato in scena per la prima volta a Sistiana sulla scia di quelli già realizzati Oltreoceano, è stato introdotto dagli Alleati e poi si è radicato nella cultura dei triestini, divenendone un simbolo. Riportandolo agli antichi valori e tradizioni, intendiamo far sì che torni a essere considerato il concorso di bellezza Triestino per i Triestini. Siamo onorati poi che il Castello di San Giusto – ha detto ancora il patron della manifestazione, Paolo Francesconi – ci abbia aperto le porte, e ringraziamo il Comune di Trieste, in particolare l’Assessorato alla Cultura e la Direzione dei Civici Musei di Storia ed Arte che ci hanno concesso la struttura per ospitare la finale di un concorso che è espressione dell’identità triestina e dell’orgoglio per i canoni della bellezza tipici delle “mule”. Ricordiamo che Miss Trieste ha lanciato tante giovani nel mondo della moda, dello spettacolo e della televisione”.

All’interno della serata sono state inoltre effettuate le premiazioni del 1° concorso fotografico “Miss & Ursus” – “Le Belle e La Bestia” organizzato dal Comitato Miss Trieste in collaborazione con mc59.com e la Guardia Costiera Ausiliaria, i cui numerosi partecipanti hanno avuto la possibilità di salire a bordo del pontone ormeggiato in Porto Vecchio e fotografare 7 ragazze partecipanti a “Miss Trieste”.

finale_misstrieste

finale_misstrieste

finale_misstrieste

finale_misstrieste

finale_misstrieste

finale_misstrieste

finale_misstrieste

facebook
2.388