Bearzi

parma_udinese-6

Parma, ci pensa Crespo L’Udinese si arrende 2-1. Una doppietta dell’attaccante argentino (151 gol in A) consente agli emiliani di tornare alla vittoria. Friulani in gol col solito Di Natale che però nella ripresa si mangia la rete del 2-2.















segue comunicato tratto da udinese.it

Una doppietta di Hernan Crespo decide il match del “Tardini”

Marcatori. Al 23’ Crespo (rig.), 35’ Di Natale. Nella ripresa, al 10’ Crespo.

Parma (4-3-3). Mirante; Zaccardo, Paletta, Lucarelli, Gobbi; Valiani, Dzemaili, Candreva (31’st Morrone); Giovinco (42’st Paci), Crespo (14’st Bojinov), Angelo. (A disposizione: Pavarini, Dellafiore, Pisano, Zé Eduardo). All. Marino.

Udinese. (3-4-1-2). Handanovic; Benatia, Zapata, Domizzi;
Isla (26’st Denis), Inler, Asamoah, Armero; Pinzi (40’st Corradi); Floro Flores, Di Natale. (A disposizione: Belardi, Coda, Pasquale, Badu, Sanchez). All. Guidolin.

Arbitro. Celi di Campobasso. (Viazzi e Liberti – IV° uomo: Corletto).

Note. Ammoniti: Valiani, Domizzi e Zapata. Angoli: 7-6 per l’Udinese. Recupero: 0’ e 5’.

PARMA. Una doppietta di Hernan Crespo condanna l’Udinese alla sconfitta al “Tardini” di Parma nel quindicesimo turno d’andata del campionato. Un ko ai punti immeritato sia perché i friulani erano riusciti, con Di Natale, a riequilibrare le sorti del match, sia perché le occasioni per impattare ancora la gara, soprattutto nella seconda frazione, i friulani le hanno avute senza, però, riuscire a concretizzarle.

Parte meglio la formazione di casa che, al 2’, va alla conclusione con Dzemaili, ma lo svizzero “sballa” il mancino dai 25 metri e, due minuti dopo, con Gobbi sul cui tiro cross Handanovic è bravo ad inarcarsi e a smanacciare la sfera. Al 17’ Di Natale, poi, ci prova su punizione, ma incoccia la barriera e al 23’ il Parma passa in vantaggio: Benatia interviene su Giovinco in area e per il direttore di gara è calcio di rigore. Batte Crespo, Handanovic intuisce l’angolo di tiro, ma questa volta non può opporsi all’argentino: 1-0 per i ducali. La replica friulana passa per i piedi di Floro Flores che, dal limite, scarica un destro velenoso su cui Mirante si oppone inangolo prima che, al 34’, nell’area opposta Handanovic dica di no a Crespo lanciato in area di rigore da Zaccardo. E sessanta secondi dopo l’Udinese pareggia. Gobbi stende Asamoah all’altezza del vertice sinistro dell’area di rigore e, dai 16 metri, Di Natale si inventa un capolavoro balistico su cui l’estremo difensore emiliano non può nulla:
1-1 e squadre che vanno all’intervallo con un ultimo tentativo di Floro Flores che però non inquadra lo specchio della porta.

Nella ripresa l’Udinese preme fin dai primi minuti nella metà campo locale, ma al 10’ il Parma torna avanti ancora con Crespo strepitoso ad insaccare un preciso traversone di Angelo dalla destra. È una botta non da poco per i friulani che, nel loro migliore momento, subiscono la rete del raddoppio ducale. Ma la palla buona per il pareggio i ragazzi di Guidolin ce l’avrebbero, al 31’, quando Paletta rinvia sulla schiena di Lucarelli, la palla diventa un assist per Di Natale che, però, a due passi da Mirante calcia addosso al portiere ducale. E a 5’ dalla fine è la sfortuna ad opporsi a Domizzi quando su punizione di Di Natale, il colpo di testa del difensore incoccia in pieno il montante alla sinistra di Mirante. Aggiungiamoci a queste chance almeno un paio di mischie non andate a buon fine e bene si capisce come, questo ko, lasci l’amaro in bocca in casa friulana.

facebook

Lascia un commento

372