Bearzi

Patty Pravo in concerto il 16 Novembre al Perla

Venerdì 16 novembre 2012 Patty Pravo ritorna a Nova Gorica con il suo ultimo singolo “La luna”. L’eterna “Ragazza del Piper” calcherà il palco del Park, Casinò & Hotel a partire dalle ore 22.30 presentando gli ultimi brani ed i grandi successi che hanno segnato la sua carriera collocandola tra l’olimpo degli artisti italiani più famosi nel mondo.

Ancora una volta il Park, Casinò & Hotel di Nova Gorica è onorato di ospitare in concerto Patty Pravo, eclettica cantante italiana che da ben quarantasei anni calca le scene musicali internazionali con successi sempre sulla cresta dell’onda che spaziano dal beat al pop fino al rock. Dopo l’incredibile esordio con “Ragazzo triste”, presentato proprio nella cornice del Piper, locale romano che le regalerà l’eterno soprannome, prende piede una carriera segnata da un alternarsi di successi. Brani come “Tu mi fai girar”, “La bambola”, “Pazza idea” e “Pensiero stupendo” l’hanno consacrata tra gli artisti italiani più ascoltati, con oltre 100 milioni di copie vendute in tutto il mondo. Divina anticipatrice di mode, sofisticata, eccentrica, elegante, trasgressiva e imprevedibile, Patty Pravo farà tappa a Nova Gorica venerdì 16 novembre 2012 alle ore 22.30 per conquistare il pubblico non solo con i grandi successi del passato ma anche alcune perle che compongono gli ultimi lavori. Tra questi il brano “Il vento e le rose”, presentato nel 2011 al Festival di Sanremo come anteprima dell’album “Nella terra dei pinguini” e l’ultimo singolo “La luna”, uscito nel giugno 2012. Questo pezzo, vincitore della menzione speciale del premio Lunezia per il valore musical-letterario, è stato scritto per lei da Vasco Rossi e Gaetano Curreri che hanno composto una ballata sensuale ed intensa perfetta per la voce calda e le doti interpretative della cantante veneta.

I biglietti sono già in vendita presso il Privilege Infopoint del Park, Casinò & Hotel. Per ulteriori informazioni contattare il numero verde: 800 788 852.

facebook

Lascia un commento

779