Pordenonese: 11mila posti di lavoro in fumo

Millesettecentonovantuno lavoratori espulsi in otto mesi, mediamente 3 mila lavoratori in cassa integrazione. E nel conto non ci sono i licenziamenti individuali da parte di micro imprese dell’artigianato, come del commercio o dei servizi. Sono dati che rappresentano il termometro della crisi per come sta investendo la provincia di Pordenone, oltre ovviamente al resto della regione e del Paese, che assumono i connotati dell’“allarme” nel raffronto con il 2008. Del resto basta dare un’occhiata all’andamento della cassa integrazione ordinaria che realizza, tra gennaio …

di Elena Del Giudice

Fonte: http://messaggeroveneto.it/

facebook
386