PORTI: SERRACCHIANI, FA BENE A TRIESTE LA CURA DEL FERRO

Trieste, 07 ago – “Il porto di Trieste sta vincendo la partita
della competitività, diventando esempio a livello nazionale dei
risultati che possono venire da un’interpretazione coerente della
“cura del ferro”, la strategia di investimenti sulla rete
ferroviaria che è una priorità del Governo in materia di
trasporti e infrastrutture”. Lo afferma la presidente del Friuli
Venezia Giulia Debora Serracchiani, commentando le ottime
performance del porto di Trieste nel primo semestre del 2016.

Per Serracchiani “le scelte dell’Autorità portuale sono state
oculate, mirando a mercati che sono storico riferimento dello
scalo offrendo servizi migliori attraverso interventi
infrastrutturali e sinergie con gli operatori. Azioni
accompagnate dalla Regione e in linea con le scelte di
investimento nazionali sulla ferrovia finalizzate a sbloccare i
“colli di bottiglia”, a favorire l’intermodalità e a sviluppare i
Corridoi europei TEN-T che attraversano l’Italia, tra cui il
Baltico-Adriatico e il Mediterraneo con le relative tratte
ferroviarie di accesso”.

“L’aumentata forza attrattiva del porto di Trieste e’ vantaggiosa
per tutta la portualità e i poli retroportuali e logistici della
regione, chiamati a fare strettamente sistema aumentando la
capacità complessiva e – ha concluso Serracchiani – la massa
critica della ‘piattaforma Friuli Venezia Giulia'”.
ARC/Com

Powered by WPeMatico

374