Bearzi

Previsioni meteo: gelo a Capodanno da Nord a Sud

trieste capodanno
Sciarpa, guanti e cappello di lana. Per molti italiani sarà questa la ”mise” di Capodanno, spazzato da aria molto fredda di origine artica proveniente dalla Russia. A preannunciare una notte di San Silvestro gelida da Nord a Sud Italia sono gli esperti del Centro Epson Meteo secondo i quali ”la notte che ci porterà nel 2015 sarà gelida in tutta Italia e ancora molto ventosa al Centrosud, in Liguria e sull’alto Adriatico. I fenomeni si attenueranno sui versanti adriatici; più sfortunate saranno Calabria, Sicilia e Sardegna orientale dove insisteranno i fenomeni anche localmente intensi nel Nord e nell’Est della Sicilia con nevicate a quote collinari”. Nel frattempo ”ci aspettano 72 ore di freddo intenso per l’arrivo di freddi venti artici” dice il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara, secondo il quale “a rischio neve o pioggia mista neve saranno città come Palermo, Messina, Crotone, Catanzaro, Cosenza soprattutto il giorno di San Silvestro, mentre già entro il 30 invece rischio neve in città come Potenza, Matera, Bari, Foggia, Taranto, Potenza e Matera; qualche fiocco anche ad Avellino e Benevento. Non si escludono brevi comparsate della neve persino sul leccese. Neve anche a Rimini, Ancona, Pescara, Termoli, Campobasso”. Tra il robusto anticlone posizionato sull’Europa occidentale e l’area ciclonica che si è spostata dall’Italia verso i Balcani e il Mar Nero, spiegano i meteorologi del Centro Epson, si è messo in atto un flusso di correnti da Nord-Est in grado di convogliare aria gelida di origine artica presente sulla Russia proprio in direzione della nostra Penisola e del Mediterraneo. Le regioni più esposte sono quelle del versante adriatico, dove la neve arriverà fin sulle coste. ”Negli ultimi due giorni dell’anno l’afflusso di aria fredda raggiungerà l’apice – sottolineano – e investirà anche l’estremo Sud e le Isole maggiori con la neve che potrà cadere a quote inusuali. Al Nord dove il cielo sarà sereno o poco nuvoloso ma le temperature minime all’alba potranno toccare valori di -10 gradi. Il brusco calo termico – a detta degli esperti – viene ancora più intensamente percepito a causa dei venti settentrionali che soffiano con raffiche anche oltre i 70 km/h in alcune zone. E per l’effetto wind chill le temperature percepite sono nettamente inferiori rispetto a quanto segnato sui termometri”. Più roseo il quadro meteo nei primi giorni dell’anno, annuncia infine Centro Epson Meteo, quando l’ondata di freddo andrà rapidamente esaurendosi a partire dal Nord.

facebook
533