PROT. CIV.: ANNULLATA ESERCITAZIONE NAZ. SU RISCHIO SISMICO "FVG40EXE"

Trieste, 27 ago – Il tragico evento sismico che sta
interessando l’Italia centrale richiede di potenziare e sostenere
con continuità la macchina dei soccorsi, senza distogliere
energie e risorse che devono essere totalmente indirizzate al
supporto delle popolazioni colpite da questa nuova tragedia.

Anche le donne e gli uomini del sistema integrato di Protezione
civile del Friuli Venezia Giulia sono impegnati in questa azione
corale che vede all’opera l’intero sistema nazionale di soccorso
con il Dipartimento nazionale di Protezione civile e le colonne
mobili delle Regioni e Provincie Autonome.

La presidente Debora Serracchiani e l’assessore Paolo Panontin,
d’intesa con i vertici nazionali della Protezione civile,
intendono sostenere con tutte le risorse impiegabili tale azione
e pertanto hanno deciso di annullare l’esercitazione nazionale di
Protezione civile sul rischio sismico “FVG40exe” già programmata
tra il 15 e il 18 settembre 2016.

Lo rende noto lo stesso assessore alla Protezione civile, Paolo
Panontin.

“Siamo certi – ha affermato l’assessore – che i gruppi comunali e
le associazioni di protezione civile, gli enti e le strutture
transfrontaliere e le aziende che con grande sensibilità avevano
già offerto la loro disponibilità a prendere parte
all’esercitazione, condivideranno tale decisione, preferendo
anch’esse rivolgere le proprie energie alle nuove drammatiche
necessità del Paese”.

In ogni caso, al fine di ricordare e commemorare comunque
l’evento sismico del settembre del 1976, l’assessore assicura che
“saranno valutate, di concerto con le amministrazioni comunali,
iniziative coerenti con le esigenze operative che il momento
impone”.
ARC/PPD/com

Powered by WPeMatico

397