Romeo e Giulietta erano friulani? Spettacolo teatrale – 2 marzo 2011

giulietta-romeo-daporto-4Uno studio, un percorso, una ricerca verso le origini del mito attraverso l’analisi dei personaggi di Lucina/Giulietta e Luigi/Romeo. Uno spettacolo suggestivo e ricco di immagini che compongono la storia dei due giovani innamorati. Un susseguirsi di quadri onirici, scolpiti nel gioco di luci ed ombre. Due giovani amanti, amici, attori che giocano a rincorrersi, innamorarsi ed amarsi come bambini spensierati che costruiscono castelli di sabbia sulla spiaggia. Uno studio che analizza la novella del DaPorto ed il testo teatrale di Shakespeare rendendo omaggio a questi due grandi scrittori e drammaturghi che insieme hanno fatto di questa vicenda un mito, uno dando alla luce la storia di questo amore incontrastato e l’altro rendendola immortale con la poesia delle sue parole. Uno spettacolo che nasce e sarà proposto in anteprima nazionale proprio in Friuli terra, in questo periodo di carnevali, balli, feste ed innamoramenti, anniversari e ricordi di un Udine tormentata da rivolte, saccheggi e assassini spietati poi entrati nella storia come l’insurrezione popolare della “Joibe Grasse” (“il riviel de Joibe Grasse”). Lucina Savorgnan aveva appena 15 anni quando conobbe Luigi Da Porto in un ballo in maschera la sera del 26 febbraio 1511, esattamente cinquecento anni fa, in Palazzo Savorgnan a Udine. Fu amore a prima vista. Un amore tormentato e mai realizzato. La loro storia fu raccontata dallo stesso Da Porto in una novella intitolata “Giulietta”. Oggi Lucina Savorgnan e Luigi Da Porto entrano nel mito di Giulietta e Romeo di cui a questo punto Udine, può vantarne la paternità. Nel 1510 Luigi Da Porto, friulano da parte di madre, era uomo di lettere ma anche capitano d’armi e si trovava a Cividale al comando di 50 cavalleggeri per combattere al fianco dello zio Antonio Savorgnan del ramo Della Torre. Uomo, quest’ultimo, di fiducia di Venezia nel controllo della Patria del Friuli, schierato tra le fila dell’esercito veneziano contro lo schieramento imperiale asburgico. Galeotto fu il ballo in maschera durante il quale Da Porto si innamorò della giovane Lucina, del ramo Del Monte…e da qui comincerà la nostra esplorazione e il nostro spettacolo.

Interpreti principali: Silvia Bottini e Luca Marchioro
Regia: Luca Ferri

Lestizza – Auditorium Comunale

Comune di Lestizza – Ufficio Anagrafe
Tel. 0432 760084
Prevendita presso l’Ufficio Anagrafe dal 48 novembre: tutte le mattine sabato compreso dalle 9.30 alle 12.30 martedì dalle 16 alle 18.15. La sera dello spettacolo in Auditorium dalle 20.

Prezzi biglietti:
Intero € 15,00
Ridotto € 13,00

783