SALUTE: TELESCA, RIFORMA SANITARIA OPPORTUNITÀ ANCHE PER DAY SURGERY

Venzone, 14 ott – “La riforma della sanità è un’occasione per
valorizzare le eccellenze e le professionalità, in modo da dare
risposte sempre più efficaci alle richieste di salute dei
cittadini; la società, e i bisogni dei cittadini, sono cambiati,
la tecnologia è progredita con una velocità impressionante. E
mentre gli aspetti organizzativi delle cure incidono sul
risultato finale, il ricovero in giornata, di regola senza
pernottamento (day surgery), può rappresentare uno strumento
utile per l’ottimizzazione delle cure”.

L’assessore regionale alla Salute, Maria Sandra Telesca,
intervenendo a Venzone al seminario ‘Day surgery e
riorganizzazione attività chirurgica per intensità di cure’, che
ha riunito specialisti in chirurgia da tutto il nordest, ha
sintetizzato in questo modo il punto di vista della Regione in
merito alle opportunità che il ricovero in giornata offre per una
assistenza sanitaria di sempre maggiore qualità.

“La riforma sanitaria pone il paziente al centro del sistema – ha
affermato Telesca – e ciò richiede un’organizzazione che
favorisca una reale continuità di cura; concentrare la fase
intensiva del trattamento nella ‘day surgery’ ottimizza l’uso
delle tecnologie, garantisce la sicurezza del paziente e il
controllo del dolore nelle fasi che maggiormente lo richiedono”.

“Una buona sanità – ha proseguito – soddisfa i pazienti e gli
operatori, agevolando la presa in carico del paziente, così come
testimoniano le relazioni altamente professionali dei relatori
che si sono succeduti in questa giornata di confronto”.

“La ‘day surgery’ – sempre per Telesca – può infatti costituire
una buona occasione per caratterizzare anche le sedi ospedaliere
periferiche sul trattamento programmato di ben definite
patologie; ricordo che la riforma implica un’organizzazione a
rete nella quale la collaborazione gioca un ruolo fondamentale”.

“Inoltre, la ‘day surgery’ – ha precisato l’assessore – riduce le
degenze e consente ai pazienti di continuare a vivere nel proprio
contesto familiare, mentre questa riorganizzazione consente di
allocare le risorse in modo ottimale e presenta sicuramente ampi
margini di sviluppo”.

“Gli artefici del cambiamento – ha concluso Telesca – sono i
professionisti, dei quali apprezzo l’entusiasmo e l’impegno al
servizio della collettività; per questo li ringrazio di cuore:
insieme vinceremo la sfida tesa a salvaguardare il nostro
servizio sanitario, e a svilupparlo alla luce delle nuove
esigenze”.
ARC/CM

Powered by WPeMatico

576