SALUTE: TELESCA, "UMANIZZAZIONE" DELLE CURE ASPETTO IMPRESCIDIBILE

Udine, 1 ott – L’assessore regionale alla Salute, Maria Sandra
Telesca, ha partecipato, oggi, a Udine al Centro culturale delle
Grazie, alla tavola rotonda su “C’è bisogno di ri-umanizzare la
medicina?”.

L’incontro, organizzato dall’Ordine dei medici chirurghi e degli
odontoiatri di Udine (Omceo), si è sviluppato intorno alla
domanda posta in apertura dal presidente dell’Omceo Udine,
Maurizio Rocco “che fine ha fatto l’umanizzazione delle cure?”.
Il tema è stato affrontato dai vari professionisti intervenuti
che si sono soffermati sui diversi aspetti della professione,
ormai caratterizzata dalla parcellizzazione spinta dei processi
di diagnosi e cura.

“Apprezzo particolarmente la collaborazione, tra tutti i
professionisti, per rassicurare il paziente – ha indicato
l’assessore Telesca -. Ho ricevuto molte lettere di cittadini che
ringraziano per come sono stati seguiti nel loro percorso di cura
all’interno del servizio sanitario regionale”.

“In una era di iper-specializzazione delle cure – ha proseguito –
l’approccio al paziente non può che essere olistico, principio
alla base della recente riforma sanitaria. Dobbiamo lavorare
insieme perché le regole, indispensabili in un sistema complesso
come quello sanitario, nella loro declinazione pratica non
diventino problemi”.

“Ringrazio i medici – ha concluso Telesca – per l’aiuto che mi
hanno dato e riaffermo la mia disponibilità a valutare con loro i
problemi che inevitabilmente sorgeranno nella sfida che ci
accomuna: porre sempre più il cittadino al centro del sistema, in
senso operativo, e l’umanizzazione delle cure è un aspetto
imprescindibile. L’umanizzazione delle cure non sostituisce la
pratica basata sulle prove di efficacia, la integra”.
ARC/LP/com/EP

Powered by WPeMatico

455