San Matteo, Patrono della Guardia di Finanza

Il Comando Provinciale di Udine e la Sezione di Udine dell’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia (A.N.F.I.) hanno celebrato oggi la ricorrenza di San Matteo, Patrono della Guardia di Finanza, con una Santa Messa presso la chiesa di San Giorgio, in via Grazzano. All’evento hanno preso parte i finanzieri in servizio e in congedo e i rispettivi familiari, con il Comandante Provinciale e il Presidente della Sezione A.N.F.I.
La Messa è stata preceduta da una breve e significativa cerimonia militare presso il Monumento ai Caduti della Guardia di Finanza presente nel Parco della Rimembranza di Udine, dove è stata deposta una corona in ricordo di tutti i finanzieri vittime del dovere, della criminalità, del terrorismo e del servizio, nella ricorrenza della “giornata della memoria” che il Corpo della Guardia di Finanza celebra il 21 settembre.
Quest’anno il ricordo è andato, in particolare, al Finanziere Scelto Natalino Marta, nel 50° anniversario dalla morte, e del Maresciallo Capo Ferdinando Zorzutti, nel 30° anniversario della morte, entrambi riconosciuti “vittime del dovere” con decreto del Ministro dell’Interno.
Il Finanziere Marta, originario del Veneto e asssegnato alla Compagnia di Tarvisio, ha perso la vita in servizio nel grave incidente ferroviario avvenuto in territorio austriaco, nei pressi della stazione di Fürnitz, il 1° maggio 1971. Il Maresciallo Zorzutti di Lestizza (UD), era in forza alla Sezione Aerea Guardia di Finanza di Venezia come specialista di
elicottero. È deceduto il 12 luglio 1991, durante un volo di ricognizione, quando il suo elicottero NH500 è precipitato nelle acque antistanti al comune di Caorle (VE).
Il sacrificio del Maresciallo Zorzutti e del Finanziere Marta è stato ricordato dal Comandante Generale della Guardia di Finanza, Gen. C.A. Giuseppe Zafarana, in una lettera indirizzata ai familiari dei due finanzieri, residenti in provincia di Udine.

408