Sci: sul Lussari primo giorno di Coppa Europa, discesa libera a Roesti

Non sono mancate le emozioni nella prima Discesa Libera della tappa di Coppa Europa di Sci Alpino Maschile in corso di svolgimento ai piedi del Lussari e curata dall’US Camporosso. La pista Di Prampero si è dimostrata selettiva e difficile da interpretare come dimostrato dalle numerose uscite e soprattutto dalle parole dei migliori classificati che non sono riusciti a disegnare una prova senza qualche sbavatura.

Dal lotto degli oltre 90 sciatori è uscito vincitore lo svizzero Lars Roesti che ha chiuso la sua fatica davanti a tutti con il crono di 1’48”94. Alle sue spalle la seconda piazza è stata colta dall’austriaco Christoph Krenn (+0.28) mentre ha trovato spazio sul terzo gradino del podio uno dei favoriti della vigilia, ovvero lo svizzero Ralph Weber (+0.32) che grazie a questo risultato ha scalzato dalla leadership della classifica di Discesa Libera il portacolori del Liechtenstein Marco Pfiffner, oggi settimo all’arrivo alle spalle del miglior azzurro, Federico Simoni. Quest’ultimo si è reso protagonista di una prova sorprendente che gli ha consentito di agguantare un’importante sesta posizione con il tempo di 1’49”58 e soprattutto di ritrovare il sorriso dopo un periodo difficile in cui non era riuscito ad esprimersi al meglio in gara.

Il commento dopo la premiazione del vincitore di giornata Lars Roesti: «Mi sono trovato bene nonostante una neve non facile da interpretare e domani proverò a ripetermi. Questo nuovo risultato positivo mi da ancora più fiducia per il proseguo della stagione, un’annata che non era iniziata nel migliore dei modi ma che nell’ultimo mese sono riuscito a raddrizzare grazie anche a dei buoni piazzamenti in Coppa del Mondo».

Le parole rilasciate da Federico Simoni: «Sinceramente non mi aspettavo una prestazione del genere, soprattutto dopo le prove dei giorni scorsi, ma fin dalle prime battute mi sono trovato a mio agio su questo bellissimo tracciato, riuscendo a spingere. Avevo bisogno di questo risultato soprattutto per il morale dopo un periodo avaro di soddisfazioni. Ora testa a domani quando proverò a confermarmi e a limare gli errori commessi questa mattina nell’interpretazione della Di Prampero».

Le premiazioni si sono tenute nel parterre dove, nel Winter truck, i vincitori hanno potuto rilasciare le ultime interviste e posare per le foto ufficiali.

Se il momento del premio per l’atleta rappresenta la fine della sua giornata lavorativa, per gli organizzatori, i volontari, i capitani e i delegati inizia un pomeriggio di pianificazioni e confronto per arrivare alla riunione dei capitani pronti a svelare i dettagli dell’ultima discesa libera della tappa in previsione per domattina.

In queste manifestazioni internazionali, è importante ribadirlo, le relazioni consolidate contano: dagli ottimi tecnici in pista messi a disposizione di PromoturismoFVG, alle maestranze operative, alle autorità che presenziano valorizzando così gli atleti a tutti quelli che in ogni maniera, da front o backoffice, fanno l’impossibile per alzare sempre di un po’ di più l’asticella qualitativa dell’evento. 

435