Webcam

Seconda giornada dell’ Abu Dhabi Desert Challenge

mail-6.jpegUna tappa caratterizzata dalla nebbia mattuttina, proprio così, alle 7.30 orario ufficiale d ipartenza tutti i piloti si sono trovati immersi in una nebbia fittissima. La partenza della seconda giornata dell’Abu Dhabi Desert Challenge è stata pertanto posticipata d i1 ora e 15 minuti, per permettere ai concorrenti di avere una buona visibilità ed agli elicotteri d ialzari in volo per monitorare momento dopo momento tutto il tracciato lungo 296km. Certo chilometricamente più breve la tappa cronometrata d ioggi, è stata invece molto più impegnativa per la presenza di tanta sabbia e soprattutto di tante dune alte, soffici, coinvolgenti e coreografiche, così tutti i piloti sia auto sia moto, al termine della competizione sono stati unanimi nell’esporre la bellezza de paesaggio, il caldo, e la tansa sabbia morbida morbida, dove finire con l’insabbiarsi era praticamente un aspetto predominante della giornata.Sono partiti per primi i centauri e tra loro non sono mancati i prbolemi, il più grave senza dubbio per il pilota West che ha subito una brutta caduta e la frattura di una gamba; c’è da evidenziare la presenza continua di medici ed eliambulanze, perciò la sicurezza di questa competizione è sempre ai massimi livelli. La vittoria di tappa è andata a francese Gougain, mentre Marc Coma e Cyril Despres rispettivamente 5° e 6°. Tra gli italiani c’è da segnalare l’ottima performance del Team Aprilia, con Alex Zanotti particolarmente determinato , primo degli italiani ha fatto il dodicesimo tempo di questa tappa; il suo compagno Ceci, ha dato il meglio di se, dopo aver commentato i danni alla frizione di ieri ha affermato che oggi tutto doveva andare meglio e così è stato, dato che si è posizionato al 14° posto. Tutti gli italiani sono giunti a destinazione, chi ha avuto più problemi a pochi chilometri dall’inizio della prova cronometrata è stato Giovanni Uliana, rimasto a piedi con la frizione della moto.Tra le auto, la vittoria indiscussa è andata alla BMW del francese Chicherit, che oramai domina la classifica inseguito dal pilota locale Alheli su Nissan a 33 minuti. Gli italiano in auto oggi non sono stati risparmiati dalle disavventure, infatti la Nissan di Manfrinato\Buonamano ha accusato dei problemi di meccanica dopo circa 10 km dall’inizio della prova speciale, in seguito ad un salto da una duna; ma non solo: mentre effettuava la manovra per uscire dalla conca tra le due dune è stato tamponato da un Nissan Patrol di un altro concorrente. Maurizio Traglio non ha preso il via, nonostante il duro lavoro notturno dei meccanici della sua assistenza; mentre la bizzarra Toyota di Grigoleto mantiene un ritmo tutto suo e decisamente altalenante; caratteristica questa che si intensifica sulle dune piuttosto impegnative come quelle della giornata di oggi. Anche il solitario Iveco italiano condotto da marco Dono oggi ha subito dei ritardi ed ha avuto bisogno dell’assistenza, ma ha proseguito la marcia sino a raggiungere il bivacco di Moreeb Hill dove ha sede il quartier generale della competizioneLe classifiche e la traccia del percorso sono visibili in tempo reale sui siti:http://tracking.iritrack.com/e-viewer/abudhabidesertchallenge2009http://tracking.iritrack.com/dub09/posimail-11.jpegmail-3.jpegmail-4.jpegmail-5.jpegmail-6.jpeg

facebook

Lascia un commento

380