Webcam

Sequestrati 192mila addobbi natalizi e giocattoli pericolosi a Gorizia

addobbi-gdf
Una delle nuove tecniche adottate dai trafficanti di prodotti non conformi fabbricati in Cina e destinati ad essere immessi in consumo nel mercato nazionale è quella di indicare come
destinatari delle merci società diverse da quelle reali, spesso inattive, inesistenti o sconosciute al fisco ovvero rappresentate da meri prestanome: questo al fine di eludere i controlli ed evitare che venga scoperto il reale luogo di vendita e distribuzione e possano dunque scattare ulteriori controlli “a valle” della filiera della merce importata illegalmente. È quanto scoperto nei giorni scorsi dai militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Gorizia, durante un posto di controllo predisposto nei pressi del casello autostradale “Lisert” di Monfalcone (GO), quando hanno fermato un autoarticolato proveniente dalla Slovacchia accertando la presenza, nel rimorchio container, di 164.414 prodotti, tra cui addobbi natalizi, giocattoli, casalinghi, articoli elettrici ed elettronici, prodotti per alimenti, utensili, abbigliamento, destinati ad una ditta con sede a Roma, di fatto inesistente, rappresentata da un soggetto di nazionalità cinese irreperibile da due anni e non in regola con la presentazione delle dichiarazioni dei redditi negli ultimi due anni d’imposta. I finanzieri goriziani hanno ispezionato alcuni degli articoli trasportati nel container verificando che su di essi era stata apposta l’etichetta di un rivenditore di Padova che, tuttavia, non risultava indicato nella documentazione di trasporto esibita dal conducente del mezzo, di nazionalità slovena. Le successive operazioni di controllo hanno permesso di verificare che la merce era priva dell’indicazione dell’importatore comunitario, delle ichiarazioni CE di conformità con riguardo ai prodotti elettrici/elettronici, del marchio CE per quanto concerne i giocattoli, dei simboli prescritti con riferimento ai prodotti per alimenti, delle istruzioni d’uso e delle avvertenze in lingua italiana, nonché di notizie complete e idonee a informare gli acquirenti sull’origine, la provenienza, la qualità e le caratteristiche dei prodotti. Tutti gli articoli rinvenuti sono stati pertanto sottoposti a sequestro ai sensi dell’art. 354 del codice di procedura penale. I prodotti non conformi e potenzialmente pericolosi per la salute e l’ambiente, fabbricati in Cina, importati nel territorio comunitario attraverso il porto di Capodistria (Slovenia) da un’azienda con sede a Praga (Repubblica Ceca), sarebbero stati dunque venduti con gravi rischi per i consumatori in un emporio con sede nel capoluogo euganeo, gestito da
soggetti di nazionalità cinese, a sua volta fornitore di numerosi rivenditori delle province di Padova, Venezia, Vicenza, Verona, Rovigo.

facebook
1.589