Serracchiani: riforma Gelmini penalizza FVG

SERRACCHIANI
Il Pd del Friuli Venezia Giulia ha rilanciato oggi l’allarme sulla scuola, che – a suo parere – è duramente penalizzata a livello nazionale e anche in regione dai tagli previsti dai provvedimenti del ministro dell’Istruzione, Maria Stella Gelmini. “Le situazioni di grave difficoltà e di disagio dovute ai tagli, che avevamo previsto e denunciato lo scorso giugno – ha detto il segretario regionale del Pd, l’europarlamentare Debora Serracchiani, in una conferenza stampa svoltasi a Udine – si sono alla fine realizzate”. “Quella di Gelmini – ha aggiunto – non è una riforma della scuola, ma una riforma economica che fa tagli, accorpa classi, riduce le ore scolastiche, elimina gli insegnanti delle primarie, attaccando anche alcune eccellenze della scuola in questa regione”. “Un problema scottante – ha sottolineato Serracchiani – è quello dei precari, con crescenti proteste anche in regione. Per arrivare alla stabilizzazione dei precari – ha concluso Serracchiani – il Pd ha proposto di consentire l’iscrizione in una graduatoria provinciale in una sola provincia, dare un punteggio superiore a chi permette di mantenere la continuità didattica con la presenza pluriennale nella stessa provincia o scuola, rivedere il sistema con cui gli insegnanti ottengono i punteggi attraverso i corsi on line”. In Friuli Venezia Giulia – ha sottolineato il consigliere regionale Franco Codega – ci saranno 600 posti di lavoro in meno in un anno tra personale docente e amministrativo, 37 scuole senza preside, una riduzione del 25% delle risorse per le pulizie. All’incontro hanno partecipato numerosi consiglieri regionali, i parlamentari Tamara Blazina e Carlo Pegorer e la responsabile nazionale del Pd per la scuola Francesca Puglisi.

Fonte. ANSA

Lascia un commento

405