Telegram

Sono 90.000 gli studenti pronti al rientro nelle scuole del FVG

Sono “circa 90 mila” gli studenti del Friuli Venezia Giulia che si preparano a rientrare a breve nelle loro classi, dopo un periodo di lezioni seguite a distanza. Dopo Pasqua, ha ribadito oggi il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, le scuole riaprono in presenza “anche nelle zone rosse”, area in cui al momento si trova il Friuli Venezia Giulia.

In queste ore è in corso un incontro tra il vicepresidente della Regione con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, l’assessore all’Istruzione, Alessia Rosolen, l’Ufficio scolastico regionale, dirigenti e sindacati per fare il punto sul “riavvio della scuola in #fvg. Circa 90 mila studenti – ricorda Riccardi su Twitter – 12 mila tra insegnanti e operatori e 650 strutture interessate”.
    Nel frattempo torna in piazza Unità d’Italia a Trieste la protesta di Priorità alla scuola, che rinnova la richiesta di “scuole aperte per tutti”, ovvero per ogni grado anche in zona rossa. L’annuncio del premier Mario Draghi prevedeva il rientro in classe in zona rossa fino alla prima media.
    Prosegue la campagna vaccinale e da domani, come ha annunciato la Regione, potranno prenotare un appuntamento anche gli appartenenti alla fascia d’età 70-74, circa 75 mila persone.
    Il presidente della Camera, Roberto Fico, ha accolto l’appello del presidente del Consiglio regionale Piero Mauro Zanin, che in qualità di vicecoordinatore delle Assemblee legislative regionali ha chiesto l’invio di personale aggiuntivo nelle regioni per effettuare le vaccinazioni, come inizialmente previsto. In Fvg, ha ricordato Zanin, sono arrivati 50 vaccinatori sui 300 attesi. “So che anche altre regioni hanno problemi simili – ha detto Fico – e anche su questo il Parlamento può esercitare un controllo o fare pressione, se le cose non sono andate come dovevano andare: vi do quindi la massima disponibilità. Possiamo muovere le Commissioni competenti in modo da avere in breve tempo una risposta”.
    Oggi in Friuli Venezia Giulia, su un totale di 10.855 test effettuati, sono state rilevate 644 positività al Covid: 417 da 7.651 tamponi molecolari, con una percentuale di positività del 5,45%; 227 da 3.204 test rapidi antigenici (7,08%). I decessi registrati sono 16, ai quali si aggiunge uno avvenuto il 17 marzo; i ricoveri nelle terapie intensive sono 82 (+2) mentre quelli in altri reparti 664 (-7).
    Dall’inizio della pandemia in regione sono risultate positive al virus 97.490 persone; 3.307 le vittime. A oggi, i totalmente guariti sono 75.229, i clinicamente guariti 3.757, le persone in isolamento 14.451.

facebook
371