Telegram

Teatro: alla friulana Rita Maffei una menzione internazionale per The Syringa Tree

A Rita Maffei e al suo spettacolo “sudafricano” The Syringa Tree, prodotto da CSS Teatro stabile di innovazione del FVG in collaborazione con Matt Salinger/New York, la menzione speciale del Premio Internazionale Teresa Pomodoro per il Teatro dell’Inclusione. Il Premio è promosso dal Comune di Milano e dall’Associazione Spazio Teatro NO’HMA ed è intitolato alla memoria di Teresa Pomodoro, originale ispiratrice e anima di una concezione del teatro aperto alla contaminazione fra le diverse discipline artistiche.

La prestigiosa giuria internazionale del Premio, presieduta da Livia Pomodoro, è composta da Eugenio Barba (Odin Teatret di Holstebro), Lev Dodin (Maly Teatr di San Pietroburgo), Frédéric Flamand (Ballet National de Marseille), Jonathan Mills (Edinburgh International Festival), Lluís Pasqual (Teatre Lliure) e Luca Ronconi (Piccolo Teatro di Milano).

Giunto quest’anno alla terza edizione il Premio vede l’adesione del Presidente della Repubblica Italiana e il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e ha come obiettivo quello di contribuire a rivelare e promuovere quelle forme di “teatro dell’inclusione” che immettono le arti sceniche nel cuore delle società, restituendo al teatro il suo valore di esperienza, occasione di crescita e condivisione aperta a tutti i cittadini, senza distinzione di età, classe sociale, sesso e appartenenza geografica.

A poche settimane dal debutto di Rita Maffei proprio con The Syringa Tree al Piccolo Teatro Grassi di Milano per Tramedafrica – XI Festival Tramedautore ecco, dunque, un nuovo riconoscimento a questo spettacolo che si aggiunge al Premio Franco Enriquez assegnato nel 2010 dal Centro Studi Drammaturgici Internazionali a Rita Maffei come miglior attrice e miglior regista di teatro contemporaneo all’interno della sezione teatro per l’impegno civile.

The Syringa Tree è un monologo scritto dall’autrice sudafricana Pamela Gien, che intreccia le biografie di 26 personaggi, a cui dà corpo e voce la vibrante interpretazione polifonica di Rita Maffei. The Syringa Tree, firmato, nella versione italiana, a quattro da Rita Maffei insieme a Larry Moss, è la storia intensa e profondamente evocativa del sentimento forte e contrastante che lega due famiglie, una nera, l’altra di bianchi, e di due bambine che sono nate nella stessa grande casa, ma cresciute in due ambienti del tutto diversi. Siamo nei primi anni Sessanta in un sobborgo di Johannesburg, in Sudafrica. Narrate attraverso gli occhi di una bambina di sei anni, Elisabeth Grace, le storie dei diversi destini di queste famiglie attraversano quattro generazioni, dall’inizio dell’apartheid all’attuale Sudafrica libero. Un viaggio ironico ma venato anche da un percepibile sentimento di paura, nel tentativo di dare un senso al caos, alla magia e al lato oscuro dell’Africa.

Vincitore del Pr emio internazionale Teresa Pomodoro è lo spettacolo Nessuno può coprire l’ombra diretto da Mandiaye N’Diaye e scritto da Marco Martinelli e Saidou Moussa Ba. Tra i premiati quest’anno da ricordare Studio sulle serve di Francesco Mazza, Sole Acqua Terra di Mama Diop e Le lacrime del cielo d’agosto di Ados Ndombasi (menzione speciale).

facebook

Lascia un commento

358