TEATRO: TORRENTI, PORTERÒ QUESTIONE TAGLI A FRANCESCHINI

“Ma la politica non c’entra con i tagli al teatro”

Udine, 26 ott- “Parlerò della questione del teatro Verdi con il
ministro Franceschini che vedrò domani a Roma. Ne ho già parlato
con il sindaco Dipiazza e con il sovrintendente Pace”.

Lo ha affermato l’assessore regionale alla Cultura Gianni
Torrenti, commentando il decurtamento delle risorse nazionali
subito dal teatro lirico triestino.

Per Torrenti “va chiarito che non si tratta di una ‘punizione’
determinata da valutazioni politiche, come azzarda qualcuno in
modo strumentale. Il Teatro Verdi infatti non è solo della città
di Trieste ma è il teatro stabile di tutto il Friuli Venezia
Giulia e la Regione, amministrata dal centrosinistra,
contribuisce con oltre tre milioni di euro. Quindi siamo anche
noi molto irritati e delusi”.

“Il Verdi è un teatro virtuoso che aumenta il suo pubblico e
aumenta le qualità – ha aggiunto Torrenti – ed è ingiusto che sia
penalizzato, ma il meccanismo dei conteggi premia di fatto i
teatri grandi. Sono delle modalità di finanziamento, previste tra
l’altro da dirigenti che non sono più presenti, che intendevano
agevolare i teatri delle grandi città che ovviamente hanno delle
capacità di attrazione di pubblico e risorse private molto
diverse dal nostro. Questo – ha concluso l’assessore – è
inaccettabile”.
ARC/EP/Com

Powered by WPeMatico

529