Bearzi

Torino – Udinese 0-0. Tre pali per i granata ma il fortino regge – le Pagelle

26 settembre 2012. L’Udinese non brilla nella trasferta di Torino dove i granata non fanno una bella figura pur facendo qualcosa in più dei bianconeri. Guidolin parte con Brkic, Benatia, Danilo e Coda; Basta a destra c’è regolarmente mentre a sinistra Armero rileva Pasquale, i tre centrali sono Allan Willians e Lazzari, davanti confermato Ranegie che fa coppia con Barreto. Partita combattuta nel primo tempo poi nella ripresa il Toro si fa sotto ma non va oltre i tre legni colpiti da Basha, Sansone e Santana. L’Udinese va a quota  5 e domenica allo stadio Friuli arriva al Genoa per la partita delle 12:30

BRKIC 6,5: praticamente inattivo per tutta la partita visto che i granata si limitano a tirare sui legni anche se la deviazione sul palo di Sansone è tutta sua. Salvato da due traverse e un palo prenota un posto per sulla corriera per Castelmonte. Ancora da rivedere l’operato con i piedi

BENATIA 6,5: puntuale dietro, qualche puntata un attacco sulle palle inattive sulle quali è sempre pericoloso. Sempre presente, anche quando perde una palla lotta come un leone per recuperarla. Gli scappa Sansone ma la traversa respinge.  Giallo nel finale con Gillet che gli blocca la palla sulla linea

DANILO 6,5: sembra trovarsi meglio in queste partite in cui può lavorare di tempismo senza essere preso in velocità. Comanda la difesa con autorità e precisione, dalla sua aprte non si passa mai

CODA 6,5: non brilla al pari dei compagni di reparto ma comunque  non sfigura portando con onore la fascia di capitano il voto pari ai compagni di reparto è dovuto a una scivolata con cui si immola su Sansone.

BASTA 6,5: parte alla carica ed è il migliore nella prima parte del primo tempo, poi cala e si fa coinvolgere nella nebbia di una partita davvero brutta

ALLAN 5,5: parte da mezzala destra; rispetto alle uscite precedenti mostra meno ordine; nella ripresa, spostato da mezzala sinistra nella ripresa si fa vedere con un bellissimo stop e tiro che finisce fra le braccia del portiere. Non buca mai in profondità e non sembra un fulmine di guerra al tiro

dall’85° PINZI 6: viene messo dentro per arginare il Toro che nel finale sembra dilagare. Compie un fallo tattico che gli vale la sufficienza

WILLIANS 5,5: non demerita come nelle altre sciagurate uscite che ha affrontato ma non convince pienamente. Bene nel primo quarto d’ora del secondo tempo schierato da mezzala destra quando si fa notare per un ‘incursione che porta l’Udinese “vicina” al gol

dal 60° BADU 5,5: non riesce a tenere la squadra alta come probabilmente gli chiede Guidolin, non è che sia solo colpa sua ma le gambe fresche potevano forse di più

LAZZARI 5: dopo l’inserimento rapido che gli ha permesso di prendersi il posto da titolare in questa trasferta di Torino non ne capisce molto. La partita maschia non favorisce uno spirito da ex trequartista coma il suo che però non incide assolutamente nel match. Inoltre prosegue nella scarsa assistenza offensiva sulla sinistra, tende a passare la palla sempre verso il centro. non ci convince quando Guidolin lo mette mediano davanti alla difesa

ARMERO 5: ancora non ci siamo. parte con qualche sprint sconclusionato, e quando mette i cross sono sempre fuori misura; è anche vero che viene sempre servito sul piede e mai sulla corsa, da affinare la scarsa intesa con Lazzari

BARRETO 5: chiamato alla prova della verità delude di brutto. Gli arrivano pochi palloni giocabili e non ha mai l’aiuto dei compagni del centrocampo. Avrà altre chance ma c’è bisogno di far vedere qualche cosa di più

dal 60° PEREYRA 5,5: Guidolin si gioca la carta tucumano sulla trequarti ma nel finale la palla è solo nella metà campo friulana.

RANEGIE 5,5: parte benissimo e mette lo zampino in tutte le azioni ma il progressivo arretramento dell’Udinese lo mette totalmente fuori dal gioco.

 

facebook

Lascia un commento

379