Trieste: anziane raggirate da giovane spacciato per tecnico Acegas

polizia_volante
Questa mattina si sono registrati in città – in via Venzone e in Viale XX Settembre – due episodi che hanno interessato due anziane coinvolte in truffe perpetrate presumibilmente dalla stessa persona. Un giovane sui trent’anni, che parlava in italiano, moro, alto 1 metro e 70 cm. circa, con un tuta da lavoro e munito di tesserino, è riuscito a entrare all’interno dei due appartamenti spacciandosi per un tecnico dell’Acegas che doveva effettuare alcuni controlli alle tubature dell’acqua. Con dei futili pretesti è riuscito a farsi indicare i luoghi dove le anziane tenevano il denaro e preziosi, beni che è riuscito a sottrarre distraendole. Rispettivamente per un valore di 20 mila e di 15 mila euro.
Resesi conto di quanto accaduto, le donne hanno telefonato al sul posto sono intervenuti prontamente gli operatori della Squadra Volante della Questura che hanno invano effettuato ricerche in zona.
Si invita tutta la cittadinanza a non aprire la porta alle persone sconosciute anche se si qualificano come addetti a servizi vari e a telefonare tempestivamente al 113 in presenza di situazioni anomale che potrebbero rappresentare dei tentativi di truffa, architettate con l’utilizzo di disdicevoli raggiri che molto spesso fanno leva sui sentimenti e sulla sensibilità umana. In particolare prestare attenzione a questo giovane. Ma soprattutto si ricorda quanto sia importante, se vittime di questo reato, non avere vergogna o pudore nel denunciare questi episodi, recandosi prontamente e senza timore presso un ufficio di Polizia.

387