Trieste: Bavisela 2009

foto-presentazione-generali.jpgTutti pronti a correre e divertirsi di nuovo, con un’invasione di sportivi da tutto il mondo per la Bavisela 2009, in programma a Trieste dal 25 aprile al 3 maggio.Tra le principali novità introdotte il villaggio, trasferito alla Stazione Marittima, sede anche del Centro Maratona, una struttura più centrale e facilmente raggiungibile da tutti. Attorno ruoteranno le varie kermesse e gli stand del TriesteSportExpo, posizionati sulle Rive. All’interno invece verrà organizzato il «Bavisela Fitness Festival». La Bavisela 2009 sarà inaugurata come sempre dalla «Regata Senza Confini», giunta alla quattordicesima edizione, il 25 aprile. Domenica 26 va in scena il terzo «Duathlon Kids», organizzato nei pressi della piscina Bianchi, dove nel pomeriggio arriveranno gli atleti dell’undicesimo «Triathlon Città di Trieste». Mercoledì 29 aprile piazza Unità sarà tutta riservata ai bambini, che correranno la «Bavisela Young Fondazione CRTrieste», mentre alla sera protagonisti saranno gli adulti con la 100 x 1000, la staffetta sprint notturna a squadre. Giovedì 30 sarà il turno della decima «Bavisela Bike», una pedalata nelle vie cittadine, aperta a tutti, che quest’anno si svolgerà sul percorso del Giro d’Italia, che farà successivamente tappa a Trieste. Venerdì 1 maggio si comincia con il secondo «Moto Incontro La Bavisela», dedicato quest’anno in particolare ai mezzi d’epoca, che percorreranno le strade della maratona, da Gradisca d’Isonzo a Trieste. Nelle acque del golfo intanto scenderanno i ragazzi dell’ Ordegno, con il terzo «Trofeo Waterthlon», mentre al pomeriggio sulle Rive via libera alla quinta edizione dello «Ski Roll Città di Trieste». Domenica 3 maggio infine la città verrà invasa da migliaia di sportivi con la Maratona d’Europa, la Maratonina dei Due Castelli, la Bavisela non competitiva, la Bavivela e la seconda «Bavisela Inline Skating Half Marathon». Attenzione puntata in particolare sulla maratona. Torna nel 2009 il percorso introdotto lo scorso anno, da Gradisca d’Isonzo a Trieste, una gara diventata un punto di riferimento nel panorama internazionale delle maratone, con i suoi 42 chilometri e 195 metri del percorso certificato da IAAF e AIMS. Ampia già l’adesione di molti stranieri, in aggiunta ai tanti campioni italiani, tutti pronti a darsi battaglia per conquistare il gradino più alto del podio tagliando per primi il traguardo. In occasione del decimo anniversario della Maratona d’Europa viene data la possibilità di partecipare in una staffetta di due concorrenti, per dare l’opportunità anche a chi non riesce ad affrontare tutto il percorso completo, di partecipare alla competizione. La gara prevede la partenza del primo staffettista da Gradisca d’Isonzo e arrivo a Duino e del secondo da Duino con arrivo a Trieste.La partenza dei primi staffettisti avverrà contemporaneamente a quello della maratona alle ore 9.15. Una novità che riguarda tutte le corse invece è l’arrivo in piazza Unità, che sarà circolare. Gli atleti percorreranno un anello, per tagliare il traguardo dando le spalle al palazzo del Municipio.Da mercoledì a domenica si svolgerà poi la fiera espositiva, e ancora musica e spettacoli sulle Rive. Sabato sera grande concerto finale con Edoardo Bennato e i giochi pirotecnici spettacolari che illumineranno le Rive e il golfo. Ma la Bavisela non è solo un grande evento sportivo, è anche un’importante vetrina per la città di Trieste e per tutto il territorio, sotto il profilo della promozione turistica. Alla luce delle adesioni che ogni anno giungono da moltissimi Paesi, nei mesi passati lo staff organizzativo ha distribuito materiale informativo nelle più importanti maratone del mondo, toccando tutta l’Europa, ma raggiungendo anche mete lontanissime come Tokyo o New York. E proprio per i tanti turisti quest’anno la Bavisela ha realizzato i depliant e il sito internet in sette lingue (www.bavisela.it).Nel 2009 la Bavisela sarà anche sinonimo di solidarietà. Il 3 maggio la Bavisela ricorderà la LICE (Lega Italia contro l’Epilessia) in occasione della Giornata Nazionale dell’Epilessia. Arriverà a Trieste il grande sportivo Salvatore Antibo, campione europeo nei 5.000 e 10.000 metri, medaglia d’argento alle Olimpiadi di Seul e testimonial d’eccezione per l’evento. L’appuntamento è l’occasione per tenere accesi i riflettori sull’epilessia, malattia tuttora circondata da ignoranza, incomprensioni e pregiudizi, nonostante i notevoli progressi. Oggi la grande maggioranza delle persone con epilessia può condurre una vita normale, grazie alle terapie che assicurano il controllo della malattia. E i pazienti sono generalmente soddisfatti della loro qualità di vita. La Bavisela quindi si unisce alla Lice per mandare un grande messaggio di solidarietà nella giornata più importante della manifestazione.

Lascia un commento

539