Bearzi

Trieste: divieto a protesta Arcigay sotto la Curia


Un divieto a manifestare di fronte alla Curia di Trieste è stato notificato oggi ad Arcigay Trieste dalla Questura. Il circolo triestino aveva organizzato un sit-in contro le “parole omofobe” contenute nel messaggio del Papa per il primo gennaio, diffuso alcuni giorni fa. “La decisione di vietare una manifestazione pubblica di cittadini gay, lesbiche, bisessuali e trans – sostiene Arcigay in una nota – è gravissima perché oltre a riesumare modi propri di regimi oscurantisti, allontana il nostro paese da democrazia, libertà e laicità, principi cardine contenuti nella Costituzione in cui tutti ci riconosciamo”. L’associazione definisce poi “false e pretestuose le ragioni di ordine pubblico addotte per vietare la protesta civile”. Domani si terrà a Trieste una conferenza stampa in cui il presidente Davide Zotti e Arcigay Trieste spiegheranno le ragioni della protesta.

facebook

Lascia un commento

365