Trieste, pedofilo si autodenuncia per non nuocere ancora

pedofilia
“Sono un pedofilo e ho bisogno che veniate a prendermi subito. Temo che se mi passasse davanti un bambino in questo momento potrei non riuscire a controllarmi”. Questo il contenuto della telefonata ricevuta ieri dai carabinieri del 112 da parte di un uomo di 66 anni, cosi’ come riportato dal quotidiano locale ‘Il Piccolo’.

I militari si sono recati all’indirizzo fornito durante la telefonata e davanti al portone, questo il racconto del quotidiano, hanno trovato un uomo di mezza eta’ dall’aspetto molto rispettabile, tanto che i carabinieri gli hanno chiesto: “Scusi, cerchiamo una persona convinta di essere un pericoloso pedofilo. Ha idea di chi potrebbe essere?”. “Eccomi. L’uomo che cercate sono io. Portatemi via, vi prego, perche’ ho paura di poter fare di nuovo del male”, e’ stata la risposta. E’ quindi emerso che in effetti l’uomo aveva dei precedenti per episodi di violenza su minori e condanne per pedofilia. A quel punto i militari dell’Arma hanno chiamato il 118 e l’uomo, un triestino, e’ stato condotto all’ospedale Maggiore e ricoverato nel reparto Diagnosi e cura.

Fonte: Adnkronos

Lascia un commento

569