Bearzi

Trieste: tentata rapina. Ragazza cercava attenzioni


L’attenzione di investigatori e inquirenti è concentrata sulla ragazza, che ha raccontato dell’ aggressione. Secondo indiscrezioni, la giovane, che ha 22 anni, potrebbe aver agito per attirare su di sé l’attenzione dei genitori. Al momento, per quanto si è appreso, la giovane non risulterebbe iscritta nel registro degli indagati, ma rischierebbe una accusa per simulazione di reato o procurato allarme. La ragazza aveva raccontato ai genitori e ai carabinieri di essere stata malmenata e legata a una sedia da due banditi che tentavano di costringerla a rivelare il luogo dove si trova la cassaforte di famiglia. La ragazza aveva anche sostenuto di aver resistito alle minacce e di essere riuscita a metterli in fuga sostenendo di aver azionato un sistema di allarme.

facebook

Lascia un commento

350