Bearzi

TriesteLovesJazz un ponte tra Europa e Balcani con la Backyard Jazz Orchestr

Backyard Jazz Orchestra, in collaborazione con Veneto Jazz – Ghoete Institute – Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia
Artistic Directors: Peter Ehwald (Tenor and soprano sax -Berlin, Germany) – Stefan Schultze (piano – Cologna, Germany) – Martin Lubenov (accordion – Sofia, Bulgaria) – Elena Hristova (vocals – Skopje, Macedonia) – Theresia Phillipp (alto saxophone & flute – Cologne, Germany) – Ermal Rodi (tenor saxophone & flute – Tirana, Albania) – Nicolas Simons (ten.& sop., sax/clarinet – Bukarest, Romania) – Christian Altehülshorst (trumpet – Cologne, Germany) – Darko Sedak -Ben?ic (trumpet – Zagreb, Croatia) – Nemanja Zlatarev (trombone – Novi Sad, Serbia) – Branko Lievski (trombone – Skopje, Macedonia) – Filip Gavranovic (guitar – Graz, Austria) – Gordan Spasovski (Fender Rhodes – Skopje, Macedonia ) – Fedor Ruskuk (bass – Novi Sad, Serbia ) – Danel Schröteler (drums – Berlin, Germany).

La musica come ponte tra centro Europa e Balcani: è questa l’idea alla base della Backyard Jazz Orchestra, nata da un’idea dei direttori artistici Stefan Schultze, pianista, compositore e vincitore del prestigioso WDR Jazz Prize, e Peter Ehwald, saxofonista e suo partner musicale di Schulze da molti anni, con il supporto del Ghoete Institute. L’obiettivo della band è quello di proporre la ricchezza e la varietà della musica balcanica in una forma vicina al jazz contemporaneo. I membri della band sono alcuni tra i musicisti più famosi provenienti dalla Germania e dai paesi balcanici assieme ai migliori esordienti dei diversi paesi in grado di costruire con la musica improvvisata un ponte tra centro Europa ed i Balcani.

Martedì 23 luglio, ore 21.00
Piazza Verdi, Trieste

facebook

Lascia un commento

455