Udine: Arcigay contro il PD locale

manif-0426 mag 2010 – Caro Pier Luigi Bersani, A *Udine* è accaduto qualcosa che non potremo dimenticare: è stata approvata a larga maggioranza dal partito di cui sei segretario *una mozione contro la campagna anti-omofobia *diffusa da Arcigay nella città. I manifesti, che ritraggono due famiglie gay che si scambiano un bacio sulle labbra tra vino e prodotti tipici con lo slogan “Civiltà, prodotto tipico friulano”, erano già stati oggetto di censura, imbrattamenti, cancellazioni e atti di vandalismo da parte de “La Destra”.

Nella mozione, *votata da tutto il Pd*, è rinnovato l’impegno a lottare contro la discriminazione ma è scritto a chiare lettere che la nostra campagna avrebbe una “dimensione provocatoria” perché “turberebbe la sensibilità di molti cittadini”.

A poche settimane dalla sentenza della Consulta che ha definito espressamente la dignità costituzionale delle relazioni omosessuali, la scelta fatta dal P*D di Udine è agghiacciante*; è fuori dalla Costituzione e squalifica l’intero Partito, collocandolo accanto alle forze più becere e retrive e mostrandolo assolutamente incapace di distinguere tra le norme di diritto civile e quelle di diritto canonico.

Ne siamo francamente *scandalizzati e disgustati*. Non possono esistere mezze misure di fronte ad una manifestazione di indecenza civile che rende ipocrita e finta qualunque dichiarazione di contrasto alle discriminazioni.

Un bacio delicatissimo è manifestazione di quella affettività che la Costituzione tutela; è espressione di quella cittadinanza europea che si costruisce sulla visibilità della vita e delle dignità delle persone; è simbolo di una positività che nessuno oserebbe contestare se a baciarsi con altrettanto garbo e tenerezza fossero due eterosessuali.

Non accettiamo e non accetteremo in silenzio questa censura vergognosa.
*Il PD di Udine ha oltraggiato senza ritegno la dignità delle persone lgbt* di Udine e di tutta Italia, perché ci ha di fatto dichiarato che andiamo bene purchè non ci si veda. Questo, caro Bersani, è scandaloso, scandaloso, scandaloso e pone il tuo partito fuori dall’area progressista di questo Paese e, di più, fuori dalla realtà dell’Unione europea.

E allora chiedo a te che cosa stia diventando il PD e se quel partito sia diverso dalla sconcertante rappresentazione che ne ha dato la sezione udinese.

Ti chiedo espressamente quale sia la vostra posizione non solo di fronte ai diritti delle persone lgbt, ma di fronte al tema dei diritti civili e della dignità giuridica, politica, economica e sociale delle persone; perché se un partito offende i poveri di diritti dimostra di essere  fuori dalla realtà, fuori dalla società e dal bene reale di tutti, e non solo delle persone lgbt.

*Chiediamo un intervento duro e netto sulla vicenda *di Udine,e che ci  dimostri una volta per tutte che il partito di cui tu sei il leader non è in una deriva conservatrice, ma che ha ancora la volontà vera di  lavorare per la bellezza dei diritti, la democrazia e la dignità delle  persone. Non si può contestare l’immagine di un bacio tra due persone,  perché significa rifiutare quelle persone ed esporle al disprezzo, al  buio ed alla violenza omofobica. Intendi assumerti la responsabilità di  tutti i baci che verranno negati; di tutti gli insulti e le  discriminazioni che le persone lgbt continueranno a subire ogni qual  volta “oseranno” essere se stesse  Per il PD di Udine non sembrerebbe  esistere la Costituzione e tanto meno il Trattato di Lisbona. Vorrei  sapere una volta per tutte quali siano le vostre coordinate politiche e  che cosa intenda fare da “grande” questo incomprensibile PD.

Al sindaco Honsell va infine tutta la nostra riconoscenza per la  dimostrazione di civiltà e di nobiltà politica e la nostra solidarietà per un gesto subìto dal suo stesso partito e che consideriamo vile e  sconcertante.

Al Segretario nazionale del PD lasciamo invece i nostri pesantissimi  interrogativi. Caro Pierluigi, il Pride nazionale è a Napoli è il 26 di  giugno, ed avrà come slogan “alla luce del sole”, perché i diritti al  buio non esistono. Per il PD significa qualcosa o, come ad Udine, è solo  capace di predicare male e razzolare peggio?

Paolo Patané

Lascia un commento

339