Udine: Calcaterra nuovo presidente di Udineidea

udineidea“I migliori auguri di buon lavoro, da parte mia e di tutta l’amministrazione comunale, alla neopresidente di UdineIdea, Arianna Calcaterra. Sono convinto che insieme potremo creare una collaborazione forte in un’ottica di sviluppo del commercio in città e nello specifico in vista della creazione del centro commerciale naturale”. L’assessore alle Attività produttive e turistiche, Alessandro Venanzi, commenta così l’elezione di Arianna Calcaterra alla presidenza di UdineIdea, associazione che raccoglie un gruppo di commercianti ed esercenti del centro storico cittadino che hanno deciso di mettere in comune le proprie energie per promuovere il centro commerciale naturale e il rilancio del centro storico di Udine. “Guardo con fiducia al nuovo consiglio direttivo dell’associazione, composto da imprenditori che conoscono il settore e potranno costruire, insieme con il Comune, il centro commerciale naturale – sottolinea Venanzi –. Nel corso dei nostri incontri ho percepito che c’è la voglia di lavorare con l’amministrazione comunale come alleati e non più, come è avvenuto a volte in passato, come rivali. Auguro buon lavoro a tutti e in particolare alla neopresidente, che con i suoi successi nell’imprenditoria rappresenta una garanzia di capacità e impegno nell’interesse di tutta la città”. Insieme con la presidente Calcaterra l’associazione ha eletto, quale vicepresidente, Andrea Cumini.

 

Un augurio di buon lavoro per il rilancio del centro ad Arianna Calcaterra e alla rinnovata compagine di UdineIdea arriva anche dal presidente di Confcommercio provinciale di Udine Giovanni Da Pozzo. «Il centro commerciale naturale – ricorda Da Pozzo – è nato nel 2012 sulla base di un progetto concreto redatto da Terziaria Cat Udine srl, il braccio operativo di Confcommercio. L’auspicio è che la capacità di imprenditori che conoscono bene Udine e il suo centro storico possa essere elemento portante per  sinergie, anche con le istituzioni pubbliche, utili a dare impulso allo sviluppo del commercio e del turismo in città».

985