Bearzi

Udine: Calendidonna 2014 Tutti gli eventi

calendidonna 2014
Calendidonna, l’appuntamento promosso dal Comune di Udine per sensibilizzare la cittadinanza sulla necessità di una reale e piena parità tra i generi, dopo la “pausa” del 2013, è tornata. Non vorremmo però parlare soltanto di un ritorno, ma dell’inizio di un viaggio con cui l’amministrazione comunale vuole contraddistinguere la manifestazione per il futuro: già da quest’anno infatti, ci siamo posti l’obiettivo di sottolineare le esperienze e i percorsi positivi che in questa società avrebbero bisogno di essere maggiormente incoraggiati ed esaltati. Sentiamo l’esigenza di presentare questo racconto affermativo affinché la pluralità dei generi sia considerata una risorsa e il femminile non diventi il riflesso del maschile ma portatore di autonoma dignità. A cominciare dal tema di quest’anno, l’indipendenza delle donne e il loro coraggio nell’arte, nel processo costituente, nel lavoro, in generale nell’impegno civile.
Un messaggio con cui comunicare la necessità di oltrepassare abitudini e pregiudizi, inerzie e insensibilità e richiamare chiunque a responsabilità precise nei confronti delle cause (sociali, culturali, professionali) che ancora rendono impossibile parlare di parità tra uomini e donne.

Mercoledì 5 marzo
Biblioteca Civica “V. Joppi” | ore 18.00
Libri al femminile | LA COSTITUENTE: STORIA DI TERESA MATTEI
Altraeconomia Edizioni 2011
di Patrizia Pacini | dialoga con l’autrice Gianna Maria Tavoschi

Un racconto teso ed emozionante. Teresa, che oggi ha 90 anni, ha lottato per la libertà del nostro paese, rischiando la vita e provato sulla sua pelle la ferocia nazista. La versione definitiva
dell’art. 3 della Costituzione sul tema dell’uguaglianza, reca la sua firma.
a cura di: Associazione Toscani in Friuli Venezia Giulia in collaborazione con: Biblioteca Civica “V. Joppi”
info: [email protected]

Cinema Visionario | Tre proiezioni pomeridiane a partire dalle ore 14.30
| Spettacolo serale – ore 20.30
Proiezione documentario | PUSSY RIOT. A PUNK PRAYER
di Mike Lerner e Maxim Pozdorovkin (durata 88’)

C’è un’idea di spettacolo alla base della protesta scelta dalle Pussy Riot, che evoca la leggerezza del gioco, la libertà di espressione e la scelta della non violenza, e c’è una risposta pesantemente sproporzionata da parte del potere politico moscovita e di quello ecclesiastico.
La connivenza Stato e Chiesa nega Nadia, Masha e Katia perché soggetti femminili e quindi donne peccatrici.
a cura di: CEC – Centro Espressioni Cinematografiche
biglietti: intero € 7,00 ridotto e soci €. 5,50
info: 0432 299545 – [email protected]

Giovedì 6 marzo
Libreria Friuli | Via Rizzani, 1/3 | ore 16.30
Libri al femminile | NE’ DIO NE’ LEGGE, LA CINA E IL CAOS ARMONICO
Laterza, 2013
di e con Renata Pisu
presenta Gianpaolo Carbonetto

Alla Cina è bastato Confucio. A lui non interessava l’Universo, tanto meno l’aldilà. Quando un discepolo chiese al Maestro cosa fosse la morte, questi gli rispose: se non comprendi ancora cosa è la vita, come puoi pretendere di sapere cosa sia la morte?
a cura di: Associazione Culturale SeNonOraQuando? Udine

Oratorio del Cristo | Largo Ospedale Vecchio | ore 11.00 per le scuole | ore 18.30 per il pubblico
Incontro lezione spettacolo | IL RUOLO DELLA DONNA NELLA COMMEDIA
DELL’ARTE

Nel mondo del teatro, prima della nascita della Commedia dell’Arte, i personaggi femminili erano unicamente affidati agli uomini. A partire dal ’500 grazie proprio al successo che andava acquisendo la Commedia dell’Arte nelle piazze, nelle corti e nelle sale anche le donne vennero ammesse a interpretare veri e propri ruoli.
Soltanto alla fine del XVI secolo le donne avrebbero preso posto a pieno titolo nelle compagnie teatrali. La più famosa di tutte, la più amata e compianta attrice dell’epoca fu Isabella Andreini Canali (Padova 1562 – Lione 1604) alla cui straordinaria carriera molte cronache dell’epoca sono dedicate.
a cura di: Civica Accademia d’Arte Drammatica “Nico Pepe”
info: 0432 504340 – [email protected]

Venerdì 7 marzo
Sala Ajace | ore 18.30
Conferenza | LE ROSE DI RAVENSBRüCK
con Anna Di Gianantonio e Ambra Laurenzi

L’incontro, prendendo avvio dalla proiezione del video di Ambra Laurenzi sul campo di concentramento di Ravensbrück tratterà, con la storica Anna Di Gianantonio, i temi della deportazione politica femminile, dell’impegno delle donne nell’antifascismo e della specificità della partecipazione femminile alla resistenza.
a cura di: ANED – Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti

Sabato 8 marzo
Oratorio del Cristo | ore 17.00
Incontro | CALENDIDONNA 2007 – 2014: TRACCE DI SPERANZA
con Renata Pisu, Vanna Vannuccini e Nabila Zayati
conduce l’incontro Antonella Lanfrit

Renata Pisu, Vanna Vannuccini e Nabila Zayati, giornaliste e scrittrici già gradite ospiti di
Calendidonna, offrono al pubblico udinese la loro esperienza di lucide interpreti della contemporaneità.
L’incontro riprende temi cruciali esplorati in passato per riflettere sull’entità
dei cambiamenti verificatisi in anni recenti: un’occasione preziosa per riaprire le quinte sul mondo ed esplorare la storia delle donne. Avremo modo, ancora una volta, di riflettere su quella storia, di entrare in contatto con realtà più e meno vicine in cui le donne con forza crescente rivendicano i loro diritti e lottano per promuovere la pace, disposte anche a farsi interpreti dello spirito della rivolta. Avremo modo, forse, di sperare.
a cura di: Associazione C.O.R.E – Comprendere, Operare, Rinnovare, Educare

Teatro Palamostre | ore 21.00
Concerto | CONFINI DI DONNA | Incroci al femminile tra Friuli e Sardegna
con Elena Ledda
e con la partecipazione di Nicoletta Oscuro

Un omaggio al mondo femminile: da un lato Elena Ledda, assoluta protagonista del canto della Sardegna e qui guida in un originale viaggio poetico che, con la singolare forza espressiva della voce e con un suono che rivisita la tradizione, restituisce struggenti ed evocative storie di passione e di amore per la propria terra, dall’altro Nicoletta Oscuro, attrice e regista significativa della giovane scena regionale.
a cura di: Circolo Sardi “Montanaru”
con la collaborazione di: Teatro Club Udine

Nel foyer del Teatro sarà allestita una mostra di prodotti tipici sardi

Martedì 11 marzo
Biblioteca Civica “V. Joppi” | Sala Corgnali | ore 18.00
Presentazione del libro | “FEMEN – LA NUOVA RIVOLUZIONE FEMMINISTA”
Milano-Udine, Mimesis, 2013
di Maria Grazia Turri | dialoga con l’autrice l’editore Luca Taddio

Alla luce dei cambiamenti in atto tra generi e generazioni, il volume discute alcune tematiche per comprendere come stanno cambiando i movimenti delle donne. Il movimento FEMEN è assunto come metafora e come esempio emblematico di questi mutamenti nella costruzione di politiche, conflitti e soggettività sul nesso tra corpi, poteri e libertà.
a cura di: Biblioteca Civica “V. Joppi”
in collaborazione con: Commissione per le Pari Opportunità del Comune di Udine

Venerdì 14 marzo
Casa delle Donne | Via Pradamano, 21 | ore 17.00
Cerimonia di intitolazione e apertura della | CASA DELLE DONNE
Inaugurazione dell’esposizione “La trama dei volti” di Loretta Cappanera e Laura Leita

15 | 17 | 18 | 20 | 21 | 22 | 24 marzo
CASA DELLE DONNE | OPEN DAYS
La Casa delle Donne rimarrà aperta dalle 17.00 alle 20.00
a cura di: Commissione Pari Opportunità del Comune di Udine e Tavolo di Coordinamento della Casa delle Donne

Sabato 15 marzo
Sala Polifunzionale | Via Veneto | ore 20.30
Spettacolo teatrale | APE BLU
di Serena Di Blasio | con Serena Di Blasio e Michele Polo | con musiche dal vivo eseguite
da Max Bazzana

Racconto ironico e poetico dove l’affascinante mondo delle api è un luogo-metafora in cui incontriamo un essere speciale, unico, un’ape blu che rispetto ai suoi simili stenta a trovare il suo ruolo in una società dove solo chi produce ha diritto di vivere. Ma quando riuscirà a spiccare il volo la magia della vita le regalerà uno scopo inatteso e misterioso.
a cura di: Associazione Culturale Teatro della Sete
in collaborazione con: Servizio Decentramento del Comune di Udine

Domenica 16 marzo
Palazzo Giacomelli | ore 17.30
Conferenza | TUTTO QUELLO CHE VEDETE È MERITO DEGLI SPAGHETTI
Il ruolo della donna tra realtà e finzione

L’immagine femminile nel mondo del cinema dagli anni Cinquanta a oggi: una storia raccontata attraverso ricordi, immagini e spezzoni di film. Una narrazione su ruoli, ambienti, presenze, volti e corpi femminili, su stereotipi, dive, donne reali e immaginarie nei film, alla ricerca di una chiave di lettura che ci stimoli a capire e ad accrescere la nostra consapevolezza.
a cura di: Agherose Distribuzioni di Udine
in collaborazione con: Commissione Pari Opportunità del Comune di Udine

Mercoledì 19 marzo
Biblioteca Civica “V. Joppi” | Sala Corgnali | ore 18.00
Libri al femminile | L’AMORE AMICO E ALTRE STORIE
Trieste, Hammerle editori, 2013
di Giuliana Iaschi | dialoga con l’autrice Marina Silvestri
Titti Bisutti leggerà alcuni brani del libro

Ogni racconto di questo libro inizia in sordina, matura lentamente e svolta. L’autrice rispetta le regole di un gioco che il lettore chiede e apprezza: essere portato dentro a una storia, lasciarsi prendere dai suoi interrogativi, farli propri e cercare di indovinare il finale, che lo sorprenderà. Un gioco delle parti che funziona solo se non è sterile, se la verità che emerge dirompe e disvela il lato oscuro con cui ciascuno di noi convive.
a cura di: Biblioteca Civica “V. Joppi”

Giovedì 20 marzo
Teatro San Giorgio | Via Q. Sella, 5 | ore 10.30
Spettacolo teatrale per le scuole | LINA, NILDE E LE ALTRE
di e con Massimo Somaglino

Nina Merlin, Nilde Iotti e Teresa Noce sono solo alcune delle 21 donne che il 2 giugno 1946 furono elette a far parte della Assemblea che diede vita alla Costituente Italiana, ancora oggi in vigore.
Introduzione storica e dibattito finale con gli studenti.
a cura di: Associazione Culturale SeNonOraQuando? Udine

Domenica 23 marzo
Teatro Palamostre | Piazzale Diacono | ore 21.00
Spettacolo teatrale | AFRICAN REQUIEM
| 20 marzo 1994 appunti di fine giornata
scritto e diretto da Stefano Massimi | con Isabella Ragonese e Luisa Cattaneo | musiche originali
di Enrico Fink | eseguite dal vivo dai musicisti dell’Orchestra Multietnica di Arezzo | con
l’amichevole partecipazione in video di Gioele Dix e Gianmarco Tognazzi | regia di Stefano Massini

Due grandi attrici, sulla partitura drammatica del fiorentino Stefano Massini, rievocano in scena la figura di Ilaria Alpi, nel ventennale del suo cruento omicidio, perpetrato nel caos della Somalia ex italiana. Un esempio di donna e di giornalista dal coraggio purissimo, spinto fino al sacrificio in nome del servizio alla verità dell’informazione e dell’impegno a contrastare il malaffare, la corruzione e il silenzio omertoso dei disonesti.
con il patrocinio dell’Associazione Ilaria Alpi
a cura di: Teatro Club Udine
biglietti unico € 12,00; Info: tel. 0432 507953 – mail: [email protected]

Sabato 29 marzo
Auditorium Zanon | Viale L. Da Vinci, 2 | ore 18.00
Incontro | LA VOCE DEL LUPO 11
Problematiche, pratiche e politiche in contrasto alla violenza di genere
Coordina l’incontro Andreina Baruffini

Dopo dieci edizioni in varie città italiane La Voce Del Lupo, un convegno dibattito che ha dato voce agli uomini per parlare della violenza sulle donne, ritorna a Udine. Con questa undicesima edizione si vuole proporre una sintesi delle esperienze raccolte per avviare un confronto con le associazioni e le istituzioni nazionali e territoriali al fine di individuare possibili soluzioni.
a cura di: Associazione Culturale SeNonOraQuando? Udine

Venerdì 4 aprile
Sala Ajace | ore 18.00
Incontro con | FIORELLA KOSTORIS
Economista e docente presso La Sapienza di Roma, è una delle protagoniste del libro La mia patria è il mondo intero di Elisabetta Pozzetto (ed. Forum) | L’autrice introdurrà l’incontro

Le storie delle venti protagoniste del libro, intervistate dalla giornalista Elisabetta Pozzetto, sono state raccolte ai quattro angoli del mondo e sono racconti di donne speciali. Un filo rosso le unisce: come l’economista Fiorella Kostoris, sono nate o si sono formate in Friuli Venezia Giulia, spesso sconosciute al grande pubblico italiano, sono invece straordinariamente apprezzate fuori dal nostro Paese.

Tranne dove diversamente specificato tutti gli appuntamenti sono ad ingresso libero

facebook
666