Udine: centro chiuso al traffico per consentire ai bar e ristoranti di utilizzare gli spazi esterni per tavolini

A partire da mercoledì 13 maggio parte del centro cittadino verrà chiuso al passaggio dei veicoli al fine di consentire a bar, ristoranti e pubblici esercizi di utilizzare gli spazi esterni per lo svolgimento della propria attività nel rispetto delle misure di sicurezza imposte a livello ministeriale nell’ambito della gestione dell’epidemia da coronavirus.

Nello specifico saranno chiuse al traffico via Cavour, nel tratto compreso tra piazzetta Belloni e il civico 18A, via Savorgnana, nel tratto compreso tra il civico 10 e via Cavour, via RIALTO, nel tratto compreso tra i civv. 12-17 e via Mercatovecchio, via Lionello, via Delle Erbe, in via Del Monte, via Pelliccerie, via Cortazzis, piazza San Giacomo lati est, sud e nord.

Stalli destinati al carico/scarico saranno realizzati in via Sarpi, nel tratto fiancheggiante il lato est della Chiesa di San Pietro Martire e via Pelliccerie, in via Valvason lato sud, in piazza Libertà e via Cavour lato sud, in via Savorgnana lato ovest, da via Stringher a Corte Savorgnan, e via Manin lato sud, da Porta Manin a via Prefettura. 

“Il Comune di Udine – ha dichiarato l’Assessore alla sicurezza Alessandro Ciani – è stato il primo in Regione a stabilire il raddoppio degli spazi esterni dati in concessione ai locali pubblici. Laddove questo non fosse sufficiente, tale superficie sarà ulteriormente ampliabile, se la conformazione della via o della piazza lo permetterà. Anche chi non è titolare di una concessione potrà farne richiesta. Con questa decisione abbiamo voluto fare in modo che bar, ristoranti e locali pubblici possano mantenere il numero di tavoli e al tempo stesso garantire il rispetto delle distanze di sicurezza. Il centro città diventerà in questo modo un vero e proprio salotto a cielo aperto a disposizione dei titolari delle attività produttive e dei cittadini. Sono convinto che ancora una volta gli udinesi si dimostreranno rispettosi delle regole e pronti a supportare con orgoglio gli sforzi che i nostri imprenditori stanno sostenendo in questo difficile momento”.

1.891