Udine: finse incidente dell’amica per coprire il delitto “Sono inocente”

In carcere da ieri per l’omicidio in Trentino a febbraio di una farmacista, Daniela Sabotig, 54 anni, di origine friulana, l’arrestato si dichiara innocente attraverso i suoi legali. Si tratta dell’albergatore trentino Ivan Zucchelli, 47 anni, accusato di avere simulato un incidente stradale per coprire il delitto, ma anche di truffa, nell’avere trattato a proprio favore il patrimonio della donna, per cui aveva una procura. ”Verificheremo il contenuto degli atti – dice uno dei suoi avvocati, Nicola Stolfi, a proposito dell’ordinanza di custodia cautelare eseguita ieri dai carabinieri – ma mi pare evidente comunque che ci sia contraddizione con la consulenza medico legale” ha detto a proposito dell’ipotesi che l’arma del delitto sia stata la grossa pietra con cui l’uomo aveva riferito di avere tentato invano di spaccare i finestrini, per estrarre la donna, rimasta incastrata. Nessuna finzione inoltre secondo il legale, ne’ nel nascondere alla farmacista di essere sposato, ne’ nella gestione del patrimonio di lei.

Lascia un commento

296