Bearzi

Udine: giorno della memoria, spettacoli per le scuole al Teatro Nuovo

AuschwitzCosa è davvero la memoria? Quanto vale o può valere il dolore senza senso? Esiste davvero il male assoluto, nei comportamenti degli uomini? Chi è più vivo, chi soffre cercando un senso alla propria vita, anche nel massimo dolore, o chi nel benessere di convinzioni disumane si sente forte?

Con queste irrisolvibili domande si aprirà sabato 27 gennaio al Teatro Nuovo Giovanni da Udine “Libera la Memoria”, uno spazio di meditata, personale riflessione sull’Olocausto riservata agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado a partire dalla voce di due testimoni che, con sguardi molto diversi, hanno attraversato i tragici eventi dello sterminio: Primo Levi e Viktor Frankl.

Un concerto drammatico, quello proposto al pubblico nella Giornata della Memoria, in cui le letture di brani dei due autori a cura di Giuseppe Bevilacqua, direttore artistico prosa del Teatro Nuovo, si uniranno al canto di Elsa Martin e al pianoforte di Stefano Battaglia.

“Vorremmo dare un contributo a liberare la mente attraverso la memoria di testimoni che, con sguardi molto diversi, hanno attraversato gli eventi tragici dello sterminio – spiega Giuseppe Bevilacqua -. Primo Levi ha fatto della sua vita una missione di indagine e assunzione sociale di responsabilità del renderci coscienti su “ciò che è davvero successo”; Viktor Frankl ha, proprio dall’esperienza del campo di sterminio, rivoluzionato la cura del disagio psichico dell’uomo contemporaneo con la teoria e la pratica dell’Analisi Esistenziale. Da questi due sguardi sul dolore e il male assoluto sono nate due forme umane diverse d’amore. Sembra allora aver ragione T.S. Eliot quando, sotto i bombardamenti a Londra nel 43 scriveva: A questo serve la memoria. A liberarci. Non meno amore, ma un’espansione dell’amore al di là del desiderio, e così liberazione dal passato, come dal futuro”.

“Libera la memoria” sarà in scena sabato 27 gennaio con un doppio spettacolo: alle 9 e alle 11.30. Spettacolo con pubblico in palco. Posti limitati. Accesso esclusivamente su prenotazione tramite l’Ufficio Scuola del Teatro ([email protected]). Biglietti per gli studenti: Prezzo unico € 10,00. Biglietto per l’insegnante coordinatore: un biglietto omaggio per un insegnante ogni 15 studenti

facebook
917