Udine: i protagonisti di Copenaghen incontrano il pubblico – 17 nov 2017

UMBERTO ORSINI-MASSIMO POPOLIZIO-GIULIANA LOJODICE_in_COPENAGHEN di M. Frayn__foto Marco Caselli NirmanUn trio magistrale di attori Umberto Orsini, Massimo Popolizio e Giuliana Lojodice, protagonisti dello spettacolo Copenaghen, incontrano il pubblico venerdì 17 novembre alle ore 18 al Teatro Palamostre, con il fisico professoressa Marisa Michelini dell’Università degli Studi di Udine che condurrà la conversazione.
L’appuntamento è inserito all’interno del progetto Retroscena atomici, ideato dal CSS e da UNIUD, strutturato per accompagnare con una serie di attività collaterali tra scienza, etica, società e gioco, il nuovo debutto dell’avvincente thriller sulla ricerca atomica del commediografo britannico Michael Frayn.
Tre grandi star del teatro italiano reinterpretano a Udine, dopo 18 anni dalla prima assoluta del 1999 prodotta dal CSS Teatro stabile di innovazione del FVG, lo spettacolo Copenaghen, divenuto un classico del teatro contemporaneo, riconosciuto dalla critica e dal pubblico come “cult”, attualmente in scena a Teatro Contatto 36 fino al 19 novembre al Teatro Zanon, viale Leonardo da Vinci.
La pièce ha raggiunto, dal 1999 al 2010, il record di 234 repliche che arriveranno a maggio 2018 a quota 373, al termine della settima tournée lunga l’intera Stagione che toccherà moltissime città e teatri italiani.

rasferito dal Teatro Palamostre al Teatro Zanon di Udine lo spettacolo Copenaghen, evento di apertura della stagione di Teatro Contatto 36, con protagonisti Umberto Orsini, Massimo Popolizio e Giuliana Lojodice.
Annullata la replica di mercoledì 15 novembre. Restano invariate date e orari delle altre repliche.


A causa degli imprevisti lavori di manutenzione 
in corso nella sala del Teatro Palamostre, attualmente inagibile, lo spettacolo di inaugurazione della Stagione di Teatro Contatto 36Copenaghen, con protagonisti Umberto Orsini, Massimo Popolizio e Giuliana Lojodice, dovrà trasferirsi in un’altra location cittadina e andrà in scena al Teatro Zanon, in viale Leonardo Da Vinci.

Purtroppo, il trasferimento causerà anche l’annullamento della prima replica dello spettacolo, in programma mercoledì 15 novembre alle ore 21.00.

Le altre quattro repliche si svolgeranno invece regolarmente nelle stesse giornate e orari previsti: venerdì 17, sabato 18 novembre, con inizio alle ore 21.00; giovedì 16 novembre alle ore 17.00 e domenica 19 novembre alle ore 18.00.

I biglietti acquistati in prevendita e prenotati alla biglietteria del Teatro Palamostre rimarranno validi per l’ingresso al Teatro Zanon. I possessori di biglietti per la replica di mercoledì 15 novembre dovranno invece rivolgersi alla biglietteria del Palamostre per la sostituzione del titolo di ingresso in una delle altre repliche in programma.

La biglietteria del Teatro Palamostre rispetterà il consueto orario d’apertura al pubblico, dal martedì al sabato, dalle ore 17.30 alle 19.30 (tel. 0432.506925 – [email protected]), mentre la biglietteria del Teatro Zanon nei pomeriggi e serate di spettacolo aprirà un’ora prima dell’inizio.

Restano confermati al  Palamostre alcuni dei momenti collaterali allo spettacolo, nell’ambito del progetto Retroscena atomicivenerdì 17 novembre alle ore 18, Umberto Orsini, Massimo Popolizio e Giuliana Lojodice incontreranno il pubblico, in  un dialogo coordinato dalla professoressa Marisa Michelini, fisico dell’Università di Udine.

Dal 15 al 19 novembre dalle ore 17.30 alle 19.30, grazie alla collaborazione con la Ludoteca del Comune di Udine, nel foyer del Palamostre, Si gioca a Quantum Race, una corsa di pazze automobili che possono passare attraverso i muri e trovarsi contemporaneamente in più luoghi. L’autore del gioco, Fabio Chiarello, fisico e ricercatore, guiderà una partita dimostrativa sabato 18 novembre, dalle ore 17.00. Domenica 19 novembre, dalle 16.30 alle 18.00, sempre al Palamostre, Si gioca a Wings of Glory, un gioco di simulazione che rievoca i duelli e le missioni aeree della prima e della seconda guerra mondiale. Sarà presente l’autore del gioco Andrea Angiolino.

750