Udine: il messaggio di Natale 2015 dell’Arcivescovo Mazzocato “Varchiamo la porta della misericordia”

vescovo 20Cari fratelli e sorelle,

celebriamo il Santo Natale nel clima dell’Anno Santo della Misericordia. Domenica 13 dicembre abbiamo aperto anche nella nostra cattedrale la Porta della Misericordia e in migliaia l’abbiamo varcata. Ci siamo sentiti il popolo di Dio che cerca nella misericordia del suo Signore sollievo alle sofferenze e guarigione per le ferite della vita.
In attesa della nascita di suo figlio Gesù, Maria canta il Magnificat anche con queste parole: «Di generazione in generazione la sua misericordia si stende su quelli che lo temono».
Ella aveva visto tante volte i beduini nomadi che piantavano una tenda nel deserto per raccogliervi tutta la famiglia. E immagina che, con la venuta di Gesù, Dio stende su tutti gli uomini la sua misericordia come una grande tenda per proteggerli e per riunirli, dopo che si erano dispersi come pecore senza pastore.
I primi ad entrare sotto la tenda della misericordia – che, al centro, ha Gesù con Maria e Giuseppe – sono stati i pastori, poi i Magi seguiti da tantissime persone che, lungo i secoli, cercavano un’oasi di pace nel cuore di Dio.
Uniamoci anche noi a questa processione di credenti e cogliamo l’occasione del Santo Natale per varcare la Porta della Misericordia e arrivare vicino a Gesù. Possiamo farlo fisicamente entrando in cattedrale e negli altri santuari diocesani che hanno aperto questa Porta voluta da Papa Francesco. Una volta entrati in chiesa, però, proseguiamo il cammino fino ad arrivare al sacerdote che può donarci il perdono di Dio nel sacramento della Riconciliazione, dopo che abbiamo confessato i nostri peccati. Allora saremo veramente giunti sotto la tenda della misericordia di Dio che accoglie tutti senza distinzioni. Con la misericordia che il perdono di Gesù ci ha donato, sapremo anche noi fare un po’ di spazio a chi ci arriva vicino, in qualunque condizione si trovi. È questo l’impegno che Papa Francesco ci chiede nell’Anno giubilare della Misericordia. Nessuno deve rimanere fuori come uno scarto, abbandonato alle intemperie della vita. Sotto la tenda della misericordia che Gesù ha piantato fondando la sua Chiesa, tutti hanno il loro posto e ognuno di noi può stringersi un po’ per far spazio ad un fratello.

Sia questo il buon Natale che auguro a tutti con la benedizione di Gesù che viene.

+ Andrea Bruno Mazzocato, arcivescovo di Udine

GLI APPUNTAMENTI DI PREGHIERA E GLI INCONTRI DELL’ARCIVESCOVO
IN QUESTO TEMPO DI NATALE

Sarà un Natale caratterizzato da intensi incontri di preghiera e di solidarietà quello che vivrà l’Arcivescovo di Udine.

Vigilia di Natale con i preti anziani e malati della Diocesi
Com’è ormai tradizione, mons. Andrea Bruno Mazzocato, non mancherà di dimostrare il suo affetto e la sua gratitudine ai preti anziani e malati della diocesi, celebrando con loro, presso la “Casa fraternità sacerdotale” che li ospita, una S. Messa giovedì 24 dicembre alle ore 16.
Le solenni liturgie del Natale
Mons. Andrea Bruno Mazzocato presiederà come di consueto i solenni pontificali in Cattedrale. Il primo appuntamento è quello con la celebrazione eucaristica «in nocte», che avrà inizio allo scoccare della mezzanotte di giovedì 24 dicembre.
Il solenne pontificale del giorno di Natale avrà invece inizio nel Duomo di Udine alle ore 10.30 di venerdì 25 dicembre.
Entrambe le celebrazioni saranno trasmesse in diretta dall’emittente diocesana Radio Spazio.

Come lo scorso anno, si conferma la scelta dell’Arcivescovo di celebrare nel pomeriggio del Natale i Vespri solenni a partire dalle ore 17; appuntamento a cui tutti sono invitati, ma in modo particolare le comunità religiose maschili e femminili, il clero e i fedeli delle comunità parrocchiali della città di Udine «per concludere questi giorni santi con la lode a Dio a nome di tutta la nostra Chiesa».
Gli incontri di solidarietà
Il tempo forte del Natale di mons. Mazzocato sarà cadenzato anche da numerosi e importanti appuntamenti all’insegna della solidarietà e della vicinanza con persone che soffrono per diversi motivi.
Il giorno di Natale, alle ore 9, il Pastore della Chiesa Udinese sarà al carcere di via Spalato a Udine per celebrare la S. Messa natalizia con i reclusi e il personale carcerario. Il medesimo gesto lo compirà sabato 26 dicembre, giorno di S. Stefano, nella casa circondariale di Tolmezzo sempre alle ore 9.
Per il pranzo di Natale, invece, l’Arcivescovo sarà alle ore 12 a Ribis di Reana alla Comunità terapeutica residenziale che accoglie persone giovani e adulti con problemi di dipendenza da alcool e droga.
In preghiera per la pace
Molto intenso anche il programma di mons. Mazzocato in occasione della Giornata mondiale della pace che darà inizio al nuovo anno. Dopo il solenne «Te Deum» – in programma in Cattedrale giovedì 31 dicembre alle ore 19 – per ringraziare il Signore dei tanti doni profusi nel 2015 a tutta l’umanità, l’Arcivescovo presiederà presso la pieve di Zuglio, alle ore 23.30, la celebrazione eucaristica in occasione della tradizionale marcia della pace, appuntamento amatissimo dai friulani.
Venerdì 1° gennaio, solennità di Maria Santissima Madre di Dio, l’Arcivescovo si recherà come da tradizione al Santuario di Castelmonte dove alle 11.30 celebrerà la S. Messa.
In serata, alle ore 19 in Cattedrale presiederà la solenne concelebrazione, in onore di Maria Santissima madre di Dio, invocando le grazie divine sul nuovo anno. A questa Santa Messa sono invitate tutte le autorità civili e militari alle quali l’Arcivescovo offrirà una copia del Messaggio del Papa Francesco dedicato alla Giornata mondiale per la pace che quest’anno ha come titolo “Vinci l’indifferenza e conquista la pace”.

facebook
701