Bearzi

Udine: inaugurata la tratta ferroviaria Udine-Villach

Udine 11 giugno 2012 – “Una pagina importante” nelle relazioni tra Friuli Venezia Giulia e Carinzia e “per il sistema dei trasporti transfrontaliero, a servizio dunque non solo dei tanti pendolari della nostra montagna ma anche di nuovi flussi turistici da e per le due aree”.
Raggiunge questo duplice obiettivo l’avviato (dalla giornata di ieri) nuovo servizio ferroviario tra Udine e Villaco, in Carinzia, che nella giornata di oggi, a Tarvisio, è stato tenuto a battesimo dall’assessore regionale alle Infrastrutture Riccardo Riccardi e dal governatore della Carinzia, Gerhard Doerfler, presenti anche numerosi sindaci della Val Canale-Canal del Ferro.
Sviluppato attraverso le risorse finanziarie stanziate con il progetto Ue “MICOTRA-Miglioramento Collegamenti Transfrontalieri”, dotato di oltre 1,3 milioni di euro, il nuovo servizio ferroviario avviato sperimentalmente per il momento sino al giugno 2013, propone due coppie di treni/giorno gestiti dalla FUC-Ferrovie Udine Cividale e dalle OBB, le Ferroviari federali austriache, “in un collaborazione – ha sottolineato l’assessore Riccardi – che vogliamo si sviluppi ulteriormente, coinvolgendo anche il partner Ferrovie dello Stato nel miglioramento degli standard del servizio ferroviario”.
“Sembrava un risultato impossibile – ha aggiunto l’assessore – ma il traguardo è stato simbolicamente ‘tagliato’ oggi, grazie anche alla perseveranza dei sindaci della zona, delle sollecitazioni delle comunità locali, delle positive pressioni del territorio, in primis dei Comitati dei pendolari che quotidianamente hanno condotto e tuttora conducono una battaglia responsabile, affiancando le istituzioni, per ottenere un servizio che alla fin fine dovrebbe essere la normalità”.
Di servizio fondamentale per tutta la vallata, per il traffico pendolare e per incentivare il turismo (cicloturismo, dello sci, culturale, di valorizzazione delle enogastronomie locali) ha parlato il sindaco di Tarvisio Renato Carlantoni, mentre il consigliere regionale Franco Baritussio ha osservato come MICOTRA può rappresentare uno “sprone” per nuovi traffici tra Friuli Venezia Giulia e Carinzia, all’insegna dello sviluppo di un servizio di metropolitana “leggera” dell’area montana.
Ma il pensiero dell’assessore Riccardi e del governatore Dorfler è andato ovviamente al Corridoio Baltico Adriatico, di cui la ferrovia Pontebbana è tratta fondamentale nella sua porzione più meridionale: “assieme, le due Regioni stanno da tempo lavorando alacremente – ha indicato l’assessore – sapendo che il nuovo Corridoio tra i due mari può risultare il futuro della nostra regione e di questa parte d’Europa”, “dimostrando – ha dichiarato Doerfler – che a livello regionale si può lavorare in modo più snello e conseguentemente con maggiori risultati, da presentare al contesto Ue”.
Infine, di “risorsa per il nostro turismo in chiave sostenibile” ha parlato l’assessore provinciale ai Trasporti Franco Mattiussi, ricordando la ciclovia dell’Alpe Adria da Salisburgo a Grado, che il prossimo 12 agosto sarà animata tra Villaco, Tarvisio e Kraniska Gora (in Slovenia) dalla manifestazione cicloturistica “Senza Confini”.
All’odierna cerimonia di Tarvisio sono tra gli altri intervenuti l’assessore comunale di Udine alla Viabilità Enrico Pizza, l’amministratore di FUC Corrado Leonarduzzi, i rappresentati dei Comitati dei pendolari e della FIAB, la Federazione amici della bicicletta, che già nei prossimi 15-17 giugno, con la terza edizione della “Alpe Adria Recumbent Meeting” fruirà del nuovo servizio ferroviario.
Ogni giorno viaggeranno sulla ferrovia Pontebbana ed in territorio austriaco due coppie di treni, gestite congiuntamente da FUC-Ferrovie Udine Cividale ed OBB (“Österreichische Bundesbahnen”), con partenze da Udine alle ore 7.00 ed alle 17.15, con arrivo a Villach Hauptbanhof/HBF rispettivamente alle 8.54 ed alle 19.10.
Da Villaco, invece, i treni FUC/OBB partiranno alle ore 9.40 ed alle 19.29, con arrivo nel capoluogo friulano – rispettivamente – alle 11.30 ed alle 21.20.
Tutti i treni fermeranno anche nelle stazioni di Gemona, Venzone, Carnia, Pontebba, Ugovizza, Tarvisio Bosco Verde e (in Carinzia) a Thoerl-Maglern, Arnoldstein, Villach Warmbad e Villach Westbf.
Ogni treno è costituito dal locomotore, da due carrozze passeggeri e da un vagone-“bagagliaio”, d’estate in grado di ospitare le biciclette e d’inverno l’attrezzatura sciistica, per un totale di circa 150 passeggeri.
Il biglietto intero da Udine a Villach HBF (e viceversa) costa 12 euro; 6 euro per bambini sino ai 15 anni non compiuti e persone “over 60”. Sino a tre bambini potranno viaggiare gratis se accompagnati da un genitore (a biglietto intero). Da Tarvisio a Villach HBF e da Tarvisio ad Udine la tariffa intera è fissata a 6 euro.

facebook

Lascia un commento

1.261