Udine: iosonouncane in concerto – 4 sett 2015

arg1-foto di Silvia Cesari (1)All’ultimo appuntamento del Social Garden 2015, il 4 settembre, il Circolo Arci Cas*Aupa di Udine (via Val d’Aupa, 2) festeggia il suo sesto compleanno. Sei anni di programmazione musicale di ricerca e sperimentazione che hanno visto alternarsi sul palco della sala concerti udinese significative band provenienti da tutto il mondo. Per l’occasione speciale si esibirà IOSONOUNCANE, grandissimo artista italiano che presenterà il nuovo disco “Die”, definito un capolavoro sia dalla critica che dal pubblico.
IOSONOUNCANE, classe 1983, è un musicista nato in Sardegna. Durante il 2014 lavora in studio con Bruno Germano e conclude la produzione di DIE, il nuovo album uscito a marzo 2015, che giunge a cinque anni dal debutto “La Macarena su Roma” uno dei dischi più importanti della produzione indipendente italiana degli ultimi anni.
DIE è un progetto nato dalle decine di concerti in giro per l’Italia, dalle collaborazioni con molti musicisti, ma anche dal desiderio di percorrere un diverso percorso creativo dove si vuole dare uguale importanza ai testi, mai così scarni ed essenziali, e soprattutto alla loro tessitura musicale, vero e proprio obiettivo di IOSONOUNCANE. Il materiale accumulato e inizialmente registrato da IOSONOUNCANE in Sardegna aveva assunto proporzioni enormi. Da questo monte di tracce compiute o brandelli armonici e scampoli sonori astratti, sono emersi 2 anni fa i sei brani che compongono il disco. Un anno fa la decisione di entrare al Vacuum Studio e registrare nuovamente alcuni strumenti (organi, pianoforti, percussioni, sezione fiati, voce), campionare tutta la sezione percussiva, rielaborare analogicamente tutti i suoni e portare avanti la produzione artistica fino al mixaggio del disco.
DIE è un disco che vorremmo fosse ascoltato tutto d’un fiato, un disco che narra una storia, anzi due storie. Il giorno è alto sulle rive e un uomo in mezzo al mare teme di morire. Nello stesso istante una donna guarda dalla terra ferma gli ultimi scoppi di burrasca al largo vivendo il terrore di non rivederlo mai più. DIE è il racconto dei loro pensieri in una manciata di secondi, in un racconto strutturato in sei parti simmetriche. Il linguaggio è essenziale e arcaico, il lessico è ridotto all’osso, in una suite di 38 minuti le cui parti sono collegate ritmicamente e armonicamente fino a comporre un flusso sonoro continuo. Psichedelia, canto a tenore sardo, minimalismo, techno, elettronica lo-fi, progressive, canzone d’autore sono alcuni degli elementi che caratterizzano strutturalmente e timbricamente il disco, in una formula che è il risultato dell’approccio eretico a ognuna di esse. DIE non ha limiti di genere. È un disco esistenzialista e anarchico, profondamente arcaico e per questo radicalmente moderno. DIE non è un disco politico, ma per la sua stessa natura e nel suo essere una rivendicazione identitaria e culturale è, solo in ultima analisi, un atto politico.
Nel disco hanno suonato circa 15 persone, spesso semplici amici che coltivano la musica senza farne una professione. Nel corso del tempo e delle registrazioni IOSONOUNCANE ha chiesto loro di improvvisare e eseguire delle piccole parti, a seconda di quel che potevano o sentivano di dare. Sul loro materiale ha poi lavorato di manipolazione, ottenendo frasi e campionature che ha successivamente riutilizzato per portare avanti composizione e arrangiamenti.
Ogni tanto, per fortuna, escono ancora dischi in grado di sorprendere.
Il Festival musicale per il Compleanno di Cas*Aupa fa parte del programma di UdinEstate e prevede due giornate (4 e 5 settembre) di concerti.
Apertura cancelli: ore 20. Ingresso libero (senza tessere): 6 euro.

 

913