Udine: la ciclabile della discordia, in via Moro spostata a sinistra, in via Zanon eliminati i parcheggi

7 maggio 2012 – Spostamento sul lato opposto della carreggiata del tratto ciclabile in via Moro, posizionamento di alcuni dissuasori di sosta sul marciapiede di via Mantica, riorganizzazione degli stalli e posizionamento di alcune fioriere di fronte alla chiesa del Redentore. E, ancora, la creazione di una fascia di rispetto ancora più ampia tra la fila di parcheggi e la nuova ciclabile in via Cosattini e l’allargamento del tratto ciclo-pedonale in prossimità dell’incrocio con via Mazzini. Infine, l’allargamento della ciclabile in via Zanon, con la realizzazione di una fascia di protezione delle bici e la rimozione degli ultimi 12 stalli blu per consentire un più agevole accodamento delle auto al semaforo.
“Dopo la prima fase di sperimentazione e dopo aver ascoltato proposte, critiche e i suggerimenti raccolti durante l’incontro pubblico organizzato in sala Ajace un mese fa – spiega il sindaco di Udine, Furio Honsell – abbiamo approvato la sistemazione definitiva dell’asse ciclabile che da piazzale Diacono porta direttamente nel cuore del centro cittadino in via Poscolle. Si tratta – precisa ancora il primo cittadino – di un intervento molto atteso e sul quale, proseguendo il metodo partecipativo che contraddistingue la nostra amministrazione, abbiamo voluto ascoltare tutti i pareri dei soggetti interessati, dalle categorie economiche alle associazioni dei ciclisti, dai residenti a tutti gli altri cittadini, in modo tale da arrivare a una soluzione quanto più condivisa possibile”.
Dalle interviste effettuate durante la fase di realizzazione del Piano urbano della mobilità (Pum) era già emerso che il corridoio ciclabile che attraversa Udine da Nord a Sud riveste una posizione strategica, tant’è che è stato inserito all’interno dell’itinerario ciclistico Fvg1 Alpe Adria Coccau – Grado i cui lavori, per il tratto udinese, sono stati consegnati qualche giorno fa.
“Dall’analisi dei dati relativi ai flussi di bici ed auto monitorati nel nuovo asse ciclabile – spiega l’assessore alla Mobilità, Enrico Pizza – è emerso un effettivo incremento del transito di biciclette rispetto ai dati rilevati prima della creazione della pista, con punte di incremento medio pari addirittura al 106% di maggiore utilizzo in un anno. Senza contare – prosegue – che è diminuito il traffico automobilistico dell’attraversamento della zona centrale della città”.
Ma vediamo, nel dettaglio, i lavori di miglioramento approvati dalla giunta Honsell che tengono conto di alcune richieste avanzate dai cittadini e delle categorie e che prenderanno il via entro il mese di maggio.

Via A.L. Moro
– lo spostamento della pista ciclabile sul lato sinistro della carreggiata provenendo da nord, così come già indicato nella Deliberazione di Giunta Comunale n. 110 del 09.03.2011, al fine di dare completezza ed uniformità al percorso ciclo pedonale identificandolo su un solo lato della carreggiata;
Via Mantica
– la riorganizzazione dello spazio dedicato alla sosta secondo criteri di soddisfazione dell’effettiva fruizione degli spazi e con l’introduzione di fioriere col presupposto di rendere più gradevole l’area antistante la chiesa, anche al fine di tutelare i passi carrai insistenti sull’area;
– il posizionamento di dissuasori della sosta lungo il percorso pedonale individuato dai marciapiedi al fine sia di tutelare i pedoni sia di impedire la sosta abusiva
Via Cosattini
– l’allargamento del marciapiede nel tratto ciclo-pedonale in prossimità dell’intersezione con via Mazzini al fine di rendere più agevole il transito di pedoni e ciclisti;
– la creazione di una fascia di rispetto tra la fila di parcheggi e la pista ciclabile al fine di eliminare la criticità evidenziata dagli utenti per quanto riguarda la conflittualità che si creava tra ciclisti e automobilisti;
Via Zanon
– l’eliminazione degli stalli di sosta, con recupero dei medesimi all’interno della cerchia del centro cittadino in altri siti, con conseguente allargamento per lo spazio di manovra in prossimità dei carrai e corretto accodamento in prossimità dell’incrocio con la via Poscolle;
– allargamento della sede ciclabile e posizionamento di elementi a difesa di ciclisti e pedoni;
Via Poscolle
– la creazione di un primo tratto di asse ciclabile al fine di congiungere la via Zanon con l’area di attraversamento e con la zona del centro pedonale.

451