Webcam

Udine: l’opposizione organizza il corteo anti Honsell – 23 dicembre

HONSELL-IOANE’ la prima volta nella storia recente di Udine che si scende in piazza per difendere la città contro un sindaco che ha dato abbondanti prove di non amarla. Il dissenso e il forte malessere per scelte amministrative che vanno contro gli interessi di Udine si coalizzeranno nel primo Corteo dei cittadini che si terrà questo lunedì 23 dicembre, alle ore 18 con il concentramento in piazza Primo Maggio (angolo vicolo Portanuova) – simbolo dello spreco massimo con 11 milioni di euro dei cittadini buttati in un buco -, in un percorso che, snodandosi lungo via Mercatovecchio, vedrà il suo apice sotto la Loggia del Lionello dove è prevista un’Assemblea pubblica nella quale i cittadini potranno prendere liberamente la parola e firmare la mozione di sfiducia del sindaco Honsell che i consiglieri comunali stanno preparando in queste ore.

La manifestazione anti-Honsell intende portare in piazza, senza ideologie e senza bandiere di partiti, il disagio civile e civico con un solo motto “Honsell a casa! Fermiamo lo scempio”: l’intera opposizione del Consiglio Comunale, compatta sulla mozione di sfiducia, ogni forza con la sua diversa voce (Pdl, Lega, Identità Civica, Per Udine, Movimento 5 Stelle), esasperata ormai ad assistere allo sbranamento dell’identità di Udine pezzo dopo pezzo, chiama a raccolta la cittadinanza, senza alcun colore politico perché in gioco c’è il superiore interesse della tutela di Udine, e invita il popolo udinese ad agi re: “Udine s’è desta!”, il grido di battaglia che echeggerà per le vie del centro storico. “Inutile lamentarsi se poi non si fa nulla per cambiare”, dichiarano a nome dell’opposizione Adriano Ioan e Paolo Perozzo, già candidati sindaci che esortano tutti coloro che non ne possono più ad unirsi al corteo, a sfoderare finalmente il coraggio necessario per invertire rotta nel nome dell’amore per Udine.

“Honsell a casa” per tutte le sue scelte catastrofiche: dalla svendita dell’Amga ad Hera al parcheggio di piazza Primo Maggio, dall’accattonaggio non regolamentato, passando per la viabilità in tilt (mancano parcheggi, il traffico è oberato, con gravi rischi per la salute, a causa delle deviazioni per il cantiere in piazza primo Maggio), per la mancata tutela del centro storico sotto l’aspetto estetico e commerciale, per i parchi trasformati in tendopoli per i profughi, per non aver reso possibile a ben 3 mila famiglie udinesi l’esenzione dall’Imu per le prime case date in comodato ai figli, e l’elenco potrebbe continuare: dalla fogna a cielo aperto in via Buttrio, alle telecamere di non sorveglianza (causa topi che mangiano i fili!), e quindi ad una sicurezza che di fatto non c’è, al non aver voluto ascoltare i cittadini che chiedevano l’unità fissa di polizia municipale in Borgo Stazione, al non aver regolamentato la circolazione nei viali, dove si verificano incidenti a ripetizione, alcuni anche mortali (vedasi viale Venezia e viale T rieste), al non aver voluto tagliare le spese della macchina amministrativa, al non aver voluto tagliare i numeri dei dirigenti e degli assessori, al non aver voluto abbassare alcune tasse, fra cui la Tares per la quale l’opposizione aveva chiesto la rateizzazione, all’aver lasciato senza risposta i malati che aspettano da tempo l’hospice, etc, all’aver accumulato debiti su debiti (caso palasport Carnera), al continuare a spendere vagonate di soldi per gli affitti comunali anziché contenere i costi. Nel corso della manifestazione sarà anche possibile firmare la petizione che il M5S sta promuovendo contro l’aggregazione Amga-Hera.

CORTEO ANTI-HONSELL, LUNEDì 23 DICEMBRE, ORE 18

CONCENTRAMENTO: PIAZZA PRIMO MAGGIO

ASSEMBLEA PUBBLICA SOTTO LA LOGGIA DEL LIONELLO

facebook
434