Udine: l’università studia le aree rurali del comune

Il territorio comunale diventa una palestra per i giovani studenti di scienze agrarie, che attraverso la propria attività di ricerca contribuiranno a valorizzare le aree rurali del sistema urbano udinese. È questo il senso della delibera con cui la giunta comunale ha formalizzato, nell’ultima seduta di martedì 12 giugno, un accordo tra il Comune di Udine e il Dipartimento di scienze agrarie e ambientali (Disa) dell’università di Udine per una collaborazione relativa ad attività di analisi, ricerca e didattica sui temi della tutela e della valorizzazione della multifunzionalità delle aree rurali del sistema urbano udinese. “Amministrazione comunale e ateneo avvieranno così una sinergia nell’interesse della città – sottolinea l’assessore alla Pianificazione urbanistica Mariagrazia Santoro – mettendo a disposizione spazi concreti per la ricerca e facendo del territorio una palestra per gli studenti”.

Il Disa dell’università di Udine sta svolgendo attualmente attività di ricerca sui temi della mappatura della multifunzionalità e dei servizi ambientali del territorio rurale e su quello del rapporto tra aree urbane e aree rurali con particolare riferimento agli impatti dell’urbanizzazione sul consumo di suolo e sul paesaggio. Questi studi, svolti anche con l’applicazione di banche dati cartografiche e sistemi informativi territoriali, interessano anche l’area del sistema urbano udinese e proprio per questo il dipartimento dell’ateneo friulano ha proposto al Comune una collaborazione tra i due enti.

Oltre a scambiarsi dati e informazioni sulle tematiche oggetto della ricerca, il Disa e l’ufficio comunale Agenda 21 si coordineranno a vari livelli. L’accordo prevede infatti l’eventuale partecipazione in forma di partenariato a progetti comunitari sulla conoscenza, conservazione, sviluppo e promozione del patrimonio territoriale del sistema urbano udinese, e anche la possibile produzione, in collaborazione reciproca, di studi, ricerche, metodologie di analisi del territorio, raccolta dati ed elaborazione di indicatori. Gli studenti della facoltà di Agraria dell’ateneo, inoltre, potranno svolgere attività di tirocinio pratico presso l’ufficio Agenda 21 del Comune.

Lascia un commento

348