Udine partecipa alla campagna nazionale “Siamo tutti pedoni”


Udine partecipa alla campagna nazionale con un evento di sensibilizzazione sugli spazi della nostra città come luoghi di incontro e relazione

Un evento di sensibilizzazione sul tema degli spazi urbani come occasioni di incontro e relazione tra generazioni e come contrasto alle solitudini che sicuramente si sono accentuate dopo la pandemia da Covid-19: si terrà il 23 aprile 2022, grazie alla collaborazione dei Sindacati Pensionati di Udine, del Comune di Udine, dell’ASP La Quiete, della Scuola IV Novembre e del Centro Antartide di Bologna. L’evento si svolgerà attraverso un percorso a piedi con ritrovo alle ore 10 in Largo del Pecile, a seguire lungo la ciclabile via Cosattini, via Mantica con una breve sosta presso la Chiesa del Redentore, via A. L. Moro e con arrivo presso l’area verde di Via Micesio, dove verranno piantumati alcuni alberi donati dal Comune di Udine. Parteciperanno gli ospiti della Residenza “Ai Faggi” e del Salotto D’Argento e gli alunni della Scuola IV Novembre che per l’occasione hanno preparato un contributo di letture a tema.

L’iniziativa si inserisce nella Campagna Nazionale “Siamo tutti pedoni” e vuole essere l’avvio di una collaborazione tra Comune e soggetti del territorio, quali i Sindacati Pensionati, l’ASP La Quiete, le associazioni di volontariato, per la valorizzazione e rigenerazione di alcuni spazi urbani che possano promuovere la qualità della vita delle persone, soprattutto anziane e fragili, in un’ottica di intergenerazionalità e maggior accessibilità. Questi obiettivi rientrano nelle politiche di salute e rigenerazione urbana promosse dall’amministrazione comunale nell’ambito del Programma OMS Città Sane e del Progetto Europeo Playful Paradigm.

La campagna nazionale Siamo tutti pedoni è promossa dal Centro Antartide di Bologna insieme ai Sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl, Uilp Uil. Da oltre dieci anni svolge un’azione di sensibilizzazione, formazione e informazione per la tutela degli utenti vulnerabili della strada, con particolare attenzione agli over65. Oggi, a seguito della pandemia che ha interessato il nostro Paese, si è manifestata una diversa necessità di fruire degli spazi pubblici delle città in particolare muovendosi a piedi e quindi il tema della vivibilità delle città è diventato ancora più forte. Questo si unisce anche al tema dello sviluppo sostenibile e della lotta ai cambiamenti climatici.

Tema individuato per questa edizione è lo spazio dentro le nostre città da riconquistare alla mobilità dolce come luoghi privilegiati dell’incontro e delle relazioni in risposta alle solitudini che si sono decisamente accentuate a causa del Covid ma lo spazio riconquistato deve essere anche spazio di sostenibilità. Una città che sappia porsi l’obiettivo di restituire centralità a rileggere e rigenerare gli spazi per renderli più accessibili, accoglienti, sostenibili, belli e sicuri per i cittadini di tutte le età senza esclusioni ponendo al centro lo sviluppo delle relazioni piuttosto che quello del mero spostamento.

In tal senso, la città di Udine ha sviluppato un’esperienza degna di nota per la sua innovatività, approccio interistituzionale e partecipazione attiva del territorio, attraverso la sottoscrizione nel 2019 di un protocollo di intesa tra Comune di Udine e Sindacati Pensionati PER LA PROMOZIONE DI UNA CITTA’ VIVIBILE A MISURA DI ANZIANO e lo sviluppo del PROGETTO “UDINE STA BENE IN STRADA”, volto a migliorare la vivibilità degli spazi urbani in un’ottica di intergenerazionalità e cittadinanza attiva.

472