Bearzi

Udine: Pasian di Prato, lavori sul cavalcavia autostradale

Cavalcavia di Pasian di Prato in restyling da sabato 15 giugno, per circa tre settimane. La struttura, che insiste sulla A23 ed è contraddistinta dal numero 19, è posizionata all’altezza degli svincoli di entrata e uscita in autostrada da Viale Venezia a Udine, proprio al “confine” fra la competenza di Autovie Venete e quella di Autostrade per l’Italia. L’intervento di manutenzione, la cui durata è stata stimata dai tecnici in circa tre settimane (molto, come sempre, dipende dalle condizioni meteo), prevede la rimozione dei giunti, la fresatura dell’asfalto, l’impermeabilizzazione e il rifacimento del manto stradale a cui seguirà la posa dei nuovi giunti. Non particolarmente complicate, ma impegnative, le operazioni su questo cavalcavia coinvolgeranno una quindicina di persone e avranno sicuramente un impatto sulla circolazione, soprattutto nelle prime ore della mattinata e in tarda serata, fasce orarie caratterizzate dai flussi di auto di chi si reca al lavoro o rientra. Proprio in considerazione della strategicità del tratto autostradale, la carreggiata, per garantire sempre il transito in entrambe le direzioni di marcia non sarà mai chiusa completamente, ma solo parzializzata. I lavori rientrano nel programma di lavoro di manutenzione dei giunti e di impermeabilizzazione dei cavalcavia, avviato da Autovie Venete, un intervento che farà risparmiare ai Comuni coinvolti i costi dell’asfaltatura. Grazie a un’efficace alleanza fra la Concessionaria, la Provincia di Udine, FvgStrade e i Comuni di Porpetto, Santa Maria La Longa, Campoformido, Pozzuolo e Pavia di Udine, infatti, la manutenzione dei giunti e l’impermeabilizzazione, saranno integrati dalla posa del nuovo asfalto sulla soletta del manufatto che verrà così riconsegnato completamente risistemato. Un unico cantiere, quindi, per molteplici attività che eviteranno alle Amministrazioni comunali di intervenire direttamente, con un risparmio economico, di tempi e di risorse umane.

facebook

Lascia un commento

751